Randstad Italia, esito incontro 14/09/2010

Comunicato Esito Incontro RANDSTAD SpA

Del 14 settembre 2010

In data 14 settembre 2010 si è tenuto il previsto incontro con la direzione di Randstad Italia.
L’azienda ha informato sugli andamenti economici complessivi che registrano un trend di ripresa, anche se il mercato continua ad essere contratto e soggetto a fluttuazioni. Il 2011 pertanto si presenta come un anno da affrontare puntando ad un deciso recupero di efficienza, marginalità e produttività. In questa prospettiva di una, seppur moderata crescita è al vaglio la riapertura di unità operative che nel 2009, a seguito della ristrutturazione, avevano subito una temporanea chiusura. Il numero complessivo dei dipendenti non ha conosciuto, nell’ultimo trimestre, variazioni di rilievo.
Randstad ha poi sottolineato come il piano di formazione denominato “reconnecting” abbia registrato un feed back positivo, come del resto l’indagine interna “people survery” che sta fotografando un clima più sereno rispetto al recente passato.
Sulla richiesta sindacale di ripristinare le 40 ore settimanali anche attraverso un passaggio intermedio dalle 38 alle 39 ore, l’azienda ha sottolineato come i messaggi in tal senso, proveniente dal personale occupato, non siano univoci, riconfermando comunque ampia disponibilità in tal senso.
Condividendo i dubbi dell’impresa, abbiamo convenuto di effettuare un sondaggio interno non vincolante che serva alle parti per avere il polso reale della situazione. Tale indagine sarà effettuata via telematica ed offrirà un importante contributo al proseguo del confronto di merito.
Sul percorso di costruzione di un sistema di agibilità sindacali che meglio risponda alle esigenze delle lavoratrici e dei lavoratori, tenuto conto della peculiare articolazione sul territorio delle filiali, l’azienda, ribadendo la disponibilità a creare una cosidetta terza “region”, ha chiesto che la discussione prosegua su una proposta di accordo che le OOSS Nazionali e la RSA si sono impegnate a produrre prima del prossimo incontro.
Rispetto alla segnalazione pervenuta dalle assemblee di un’esigenza di maggior investimento formativo e aggiornamento, l’azienda ha risposto come tale investimento, che giocoforza deve tener conto delle limitazioni imposte dal nuovo contesto economico, sarà nell’immediato futuro mirato al recupero delle competenze di base, che, anche a fronte della crisi del 2009 e della conseguente ristrutturazione, paiono essersi progressivamente ridotte.

Il prossimo incontro con l’azienda si terrà a Milano il 22 novembre 2010 alle ore 11.00

P Filcams Cgil P. Fisascat Cisl P. Uiltucs Uil
Cristian Sesena Dario Campeotto Gabriele Fiorino