Rana ora «firma» anche i ristoranti

20/05/2001

Il Sole 24 ORE.com





    Allo studio progetto per una catena in franchising

    Rana ora «firma» anche i ristoranti
    N.D.B.
    MILANO Rana entra nel servizio della ristorazione diretta, proponendosi non solo come produttore di pasta fresca, ma anche come distributore di piatti pronti al consumatore finale. Lo fa pensando a ristoranti da realizzare in "location" ad alta frequenza di potenziali consumatori.
    La decisione è stata già presa dal consiglio di amministrazione del gruppo veronese, ma prima che diventi operativa e venga adottata su larga scala si attendono i risultati dell’esercizio in area test aperto da alcune settimane all’interno dell’aeroporto di Roma-Fiumicino.
    Nel punto vendita vengono serviti esclusivamente e in tempi molto veloci piatti pronti caldi o cotti all’istante di tortellini, ravioli e quant’altro di pasta fresca prodotta con il marchio Rana.
    La decisone di entrare in questo nuovo business ha trovato conferma nel quartiere generale dell’azienda di San Giovanni Lupatoto, in provincia di Verona. Dove però si cerca di prendere tempo, sostenendo peraltro correttamente che Rana non ha un know how in fatto di ristorazione, sicchè l’esperimento che si sta facendo a Roma serve per testare una serie di fattori.
    Uno di questi è vedere fino a che punto il gruppo Rana può sostenere da solo una simile diversificazione rispetto al core business. Che è, appunto, quello di produrre pasta fresca. Un settore in cui Rana è il marchio leader europeo con un giro d’affari che nel 2000 potrebbe avere superato i 450 miliardi (nel 1999 il fatturato fu di 430 miliardi).
    Per questo a Verona si lascia intendere che, se ci sarà un futuro nel servizio della ristorazione, questo potrà avvenire o attraverso una alleanza con un partner di provata esperienza nel settore, oppure implementando il business con la creazione di un marchio da affidare in franchising a imprenditori privati che ne assumono la gestione e la proprietà del punto vendita.
    In ambedue i casi emerge che a occuparsene dovrebbe essere una organizzazione diversa da quella che governa il gruppo Rana. La cui diversificazione è, comunque, un processo in atto come dimostra il recente accordo con la società trentina Spega che produce piatti pronti e che ha portato alla nascita della nuova società Gourmet Italia, con l’obiettivo dichiarato di entrare nel business della preparazione di piatti pronti e prodotti della gastronomia di fascia alta.
    Venerdì 18 Maggio 2001
 
|



 
Copyright © 2000 24 ORE.com. Tutti i diritti riservati