Quando piccolo è bello – di Maria Laura Rodotà

05/07/2002





NUOVA PSICOSI DEGLI ITALIANI
QUANDO PICCOLO NON E’ BELLO

5 luglio 2002

di Maria Laura Rodotà

OGNUNO ha i suoi problemi.

Uno dei principali problemi degli uomini italiani sono i sessuologi. Alcuni dei quali, riuniti a convegno a Trieste, hanno ritenuto necessario informare il paese che i nostri ragazzi (giovani e anziani), rinomati in tutto il mondo per la loro passionalità, sono degli idioti. In quanto – riferisce una ricerca condotta dai sessuologi stessi su «1072 uomini dell’età media di 37,5 anni» – hanno come «interesse dominante» «avere il pene più lungo in relax che in erezione». Scusate l’argomento; e la terminologia.
E il sospetto che gli uomini vogliano l’approvazione dei compagni di calcetto sotto la doccia più di quella di tante povere disgraziate che spendono fortune in tacchi a stiletto e reggicalze per rendersi interessanti. D’altra parte «siamo di fronte a un’emergenza medico-psicologica», così conclude la ricerca; e a Trieste, al convegno nazionale di chirurgia genitale maschile (nuove scuse per il titolo del convegno) se ne parlerà. Se ne può parlare in molti modi. Attaccando la nostra cultura tuttora fallocentrica; grazie alla quale metà degli intervistati (a Milano, Brescia, Padova, Roma e Campobasso) «è convinta che le misure diano sicurezza anche nel lavoro e nei rapporti sociali».
Implorando i meno dotati di non operarsi: il 19 sarebbe «mentalmente pronto» ad andare da un chirurgo, ma due centimetri in più (massimo allungamento possibile) non danno sicurezza neanche al bar sotto casa. Facendo orrende battute, raccontando barzellette (le migliori sono di ambientazione palermitana); accendendo discussioni in cui tutte e tutti sghignazzano sui maschi di Campobasso di 37,5 anni intenti a misurarsi in qualche toilette.
Come se non ci avessero mai pensato. Ma ora la cosa che vien da pensare è un’altra. Se la ricerca dice il vero, il rapporto italico con Lui si sta femminilizzando. Diventa motivo di teneri imbarazzi, potenziale oggetto di chirurgia (di fatto) estetica, argomento mediatico-frivolo per l’estate. Roba da rimpiangere un’estate recente e più felice, quella del ’96, l’estate del Merolone. Bisogna trovarne un altro (mediaticamente); per risollevare l’orgoglio nazionale. Siamo ottimisti/e (da metà luglio non si fanno più convegni).