QN – Sciopero da Carrefour, tremano 111 dipendenti

30/01/2017

Anche i dipendenti dell’ipermercato Carrefour di Calenzano hanno incrociato le braccia ieri, per l’intera giornata, dopo l’annuncio choc dato nei giorni scorsi dalla società francese – leader nel mercato della grande distribuzione – della prossima chiusura di tre punti vendita in Piemonte e Campania e di 500 esuberi complessivi previsti. Alta, secondo i sindacati di categoria che hanno promosso lo sciopero, l’adesione: «Questa – spiega Giovanni Vangi Filcams Cgil – è la prima iniziativa assunta dal coordinamento regionale dopo l’assemblea del 25 gennaio, ma ne seguiranno altre. Siamo molto preoccupati, anche se, almeno a voce e non in maniera ufficiale, ci è stato comunicato che gli esuberi, circa 200 escluse le chiusure, non riguarderanno Calenzano ma saranno individuati in altre sedi. Se però così non fosse chiederemo una revisione di tutti i contratti in essere attualmente a Calenzano, sull’uso degli interinali, sui contratti per le aperture notturne: non dimentichiamo infatti che questo ipermercato è aperto tutti i giorni fino alle 24 e nel fine settimana con orario h 24, cosa contro la quale, da sempre, abbiamo combattuto». Attualmente nel punto vendita calenzanese operano 111 dipendenti a tempo indeterminato: «Da parte sindacale ci sarà grande attenzione e vigilanza sull’evolversi di questa vicenda – conclude Vangi – fra l’altro, pochi giorni fa, il 20 gennaio, è stata eletta la nuova Rsu interna che, subito, si è trovata a dover fronteggiare una doccia fredda notevole».