PULIZIE SCUOLE: REPERITE LE RISORSE PER IL 2003: «POSSIAMO SOSPENDERE SCIOPERO E MANIFESTAZIONE»

11/12/2002

FILCAMS-Cgil
Federazione lavoratori commercio turismo servizi

Ufficio Stampa
www.filcams.cgil.it

11 dicembre 2002

PULIZIE SCUOLE: REPERITE LE RISORSE PER IL 2003: «POSSIAMO SOSPENDERE SCIOPERO E MANIFESTAZIONE»

Il governo ha reperito le risorse per finanziare le pulizie delle scuole per il prossimo anno. Lo ha annunciato nella tarda serata di ieri il sottosegretario alla Presidenza, Gianni Letta, alle confederazioni sindacali.

Le federazioni di categoria Filcams Fisascat Uiltrasporti hanno così annullato lo sciopero e la manifestazione nazionale programmata per domani, giovedì 12.

«Un risultato che giudichiamo positivamente – dichiarano le segreterie nazionali in una nota alle strutture – e che premia la grande capacità di mobilitazione e di lotta di tutti i lavoratori che ha battuto l’arroganza e l’insensibilità del governo rispetto al dramma vissuto da 16mila lavoratori e dalle loro famiglie.

«A parere delle segreterie Filcams Fisascat Uiltrasporti sono da addebitare al governo e al ministero del Tesoro i disagi ai cittadini, agli studenti e alle loro famiglie causati dalle forme di lotta decise nel rispetto delle regole democratiche.

«E’ una soluzione positiva che doveva e poteva ritenersi conclusa in occasione delle manifestazioni regionali e dello sciopero nazionale del 27 novembre.

«Gli impegni e le comunicazioni pervenute alle confederazioni sindacali consentono a Filcams Fisascat Uiltrasporti di sospendere la manifestazione nazionale a Roma e lo sciopero proclamato per il 12 dicembre.

«Nel ringraziare tutti i lavoratori per il senso di responsabilità manifestata durante la lunghissima vertenza, le segreterie nazionali si impegnano a dare continuità alle iniziative sin qui assunte con l’ obiettivo di definire le procedure nel confronto con il ministero dell’ Istruzione, previo coinvolgimento dei lavoratori, per la stabilizzazione definitiva degli ex-Lsu impegnati negli appalti e come CoCoCo oltre la scadenza del 2006, così come sono gli impegni assunti dal ministero dell’ Istruzione il 27 novembre».