PULIZIE SCUOLE: «CONTINUA LO SCARICABARILE DEL GOVERNO SULLA PELLE DI 16MILA EX LSU»

04/12/2002

FILCAMS-Cgil FISASCAT-Cisl UILTRASPORTI-Uil

4 dicembre 2002

PULIZIE SCUOLE: «CONTINUA LO SCARICABARILE DEL GOVERNO SULLA PELLE DI 16MILA EX LSU»

Le segreterie delle federazioni sindacali Filcams Fisascat Uiltucs hanno indirizzato alle strutture territoriali una nota sulla vertenza degli ex Lsu, ora alle dipendenze di imprese per le pulizie, in appalto, delle scuole.

«Il primo impegno assunto dai Ministeri del Lavoro e dell’Istruzione in occasione della grande manifestazione del 27 Novembre è stato clamorosamente disatteso.

«I rappresentanti del Ministero dell’Economia hanno espressamente disconosciuto gli impegni assunti dai loro colleghi di Governo, precisando che nessun incontro era stato da loro programmato per il 3 dicembre 2002 e che sarà il Consiglio dei Ministri, non prima del 10 Dicembre, a decidere sulla opportunità o meno di stanziare le risorse necessarie per la stabilizzazione degli ex LSU impegnati nella pulizia delle scuole.

«Una scelta gravissima che dimostra la mancanza di un minimo di sensibilità nei confronti del dramma che vivono 16.000 lavoratori e le loro famiglie, già licenziati a decorrere dal 1.1.2003.

«Contro tale atteggiamento le Segreterie Confederali hanno diramato un comunicato stampa.

«Le Segreterie Nazionali Filcams Fisascat Uiltrasporti nel confermare lo sciopero generale e la manifestazione nazionale del 12 dicembre 2002 a Roma invitano tutte le strutture a porre in essere immediatamente le seguenti iniziative:

* intensificare la mobilitazione di tutti i lavoratori del settore;

* predisporre presidi presso gli istituti scolastici, i Provveditorati, le Prefetture al fine di sensibilizzare le istituzioni locali e l’opinione pubblica, gli organi di stampa sul dramma che stanno vivendo i lavoratori;

* avviare, con urgenza, tutte le iniziative organizzative necessarie per la riuscita della manifestazione del 12 dicembre».