Pulizie Scolastiche/Appalti In Bilico

03/12/2010

La protesta a Roma: «Governo, stop ai tagli» Rischiano il posto venticinquemila operatori

Fischi, cori, urla, la piazza di Montecitorio ieri è stata presa d’assedio dalle lavoratrici e dai lavoratori degli appalti di pulizia degli istituti scolastici. Tredici pullman da Napoli, 10 dalle altre provincie della Campania, 3 dalla Toscana, 1 da Ascoli Piceno, 6 dalla Puglia, più tutti gli operatori di Roma e Provincia e delegazioni d Sardegna, Emilia Romagna, Abruzzo, Basilicata, Molise. La protesta è stata indetta dai sindacati confederali per denunciare la mancanza dei fondi di finanziamento e chiedere il ritiro dei tagli previsti nella legge di stabilità: ben 25 mila lavoratori rischiano il posto. I deputati del Pd in apertura dei lavori della Camera hanno presentato una interrogazione urgente per porre l’attenzione sulle vertenze. Nel primo pomeriggio, una delegazione della Filcams Cgil e della Uiltrasporti Uil è stata ricevuta da un rappresentanza del Consiglio dei Ministri: «Valutiamo positivamente l’incontro di oggi, anche se non è stato completamente risolutivo» è il commento dei sindacati. «Il capo del Dipartimento per lo sviluppo delle economie territoriali – spiegano in una nota i sindacati – si è assunto l’impegno di illustrare la vertenza alla Presidenza del consiglio dei Ministri e di organizzare un incontro per la prossima settimana, per avere risposte urgenti e concrete».