Promuovere i CAE nel settore del lavoro interinale

Il 27 e 28 Gennaio scorsi si è tenuto a ElewiJt (Belgio) il seminario "Promuovere i CAE nel settore del lavoro interinale" . Il seminario è parte di un progetto UNI , finanziato dall’Unione Europea , che ha come obiettivo lo sviluppo di CAE nelle principali agenzie per il lavoro operanti in Europa oggi, ovvero Manpower, Randstad ed Adecco.
Durante il primo giorno di lavori Bruno Demaitre (esperto ETUI) ha spiegato ad una folta platea di rappresentanti sindacali operanti nelle varie sedi europee delle agenzie per il lavoro i contenuti e le possibilità di applicazione della Direttiva 2009/98/CE. La parola è quindi passata a Claudia Seller , coordinatrice delle attività CAE per UNI Europa, che ha presentato le linee guida di UNI Europa per la costituzione dei CAE e fornito utili suggerimenti su come costruire un buon un accordo per la creazione dei CAE. Sono state quindi analizzati benefici e sfide legati alla costituzione dei CAE in generale nelle imprese multinazionali operanti in Europa.
Dopo una introduzione generale sul concetto CAE i partecipanti al seminario si sono concentrati sulla particolarità del settore del lavoro interinale e sulla situazione delle principali agenzie del lavoro. Al momento nessun CAE è stato ancora costituito in questo settore. In Adecco le attività per la costituzione dei CAE sono partite e si sta analizzando una bozza di accordo. In Ranstad e Manpower le attività dei sindacati operanti in Europa e coordinati da UNI per sostenere la costituzione di un CAE sono ancora in fase meno avanzata.
I partecipanti al seminario sono stati quindi divisi in gruppi di studio che hanno analizzato, sulla base di qaunto è stato spiegato, come costruire un accordo per la costituzione dei CAE, cosa dovrebbe contenere o non contenere e come migliorare l’informazione ed il processo di consultazione nei CAE. I gruppi di studio , supportati anche dagli esperti CAE presenti , sono state quindi invitati ad ragionare sulle particolarità del settore del lavoro interinale rispetto ai CAE. I principali punti di riflessione emersi sono:

  • Non c’è molta sindacalizzazione nel settore delle agenzie per il lavoro e vanno ampliati i rapporti tra i vari sindacati europei che si occupano di questo settore per promuovere la costituzione dei CAE.
  • In merito alla rappresentanza dei lavoratori in alcuni paesi ci troviamo ad una rappresentanza "trans-settoriale" ed i lavoratori staff e temporanei sono rappresentati dallo stesso sindacato. In altri paesi invece i lavoratori temporanei vengono rappresentati dalle organizzazioni sindacali che si occupano del settore nel quale il lavoratori temporanei stessi operano. Ci troviamo quindi di fronte ad una modalità di rappresentanza dei lavoratori disomogenea.
  • Abbiamo nelle agenzie per il lavoro due tipi di lavoratori: i lavoratori dello staff delle agenzie per il lavoro ed i lavoratori interinali. Va definito quale diritto di rappresentanza hanno queste due categorie di lavoratori all’interno dei CAE.

Mara Riboni
RSA Manpower Filcams CGIL

—————————————–
Documentazione dal sito di UNI