Progetto SSL, esito incontro 08/09/2016

Roma, 14 settembre 2016

Proseguendo il percorso che ci vede partecipi, unitamente all’INCA, nel progetto sulla costante tutela ed emersione delle malattie professionali, formuliamo una brevissima sintesi per riepilogare quanto discusso e concordato l’8 settembre u.s. nella riunione congiunta tra la Filcams Naz., l’Inca Naz., la Filcams Regionale di Toscana e Liguria e l’Inca Regionale di Toscana e Liguria.
Durante la riunione i responsabili dell’Inca Nazionale hanno illustrato nei dettagli il progetto e la sua duplice finalità. Infatti, cosi come già avvenuto nei precedenti incontri, tra la struttura Nazionale della Filcams e l’Inca Nazionale, nel corso di questa riunione è riemerso l’interesse e l’utilità di sviluppare il progetto poiché lo stesso potrebbe quasi certamente portare notevoli vantaggi alla categoria e all’Inca perché, così come strutturato, recependo ed analizzando i risultati del questionario si avrebbero una moltitudine di informazioni da elaborare che ci permetteranno di seguire il lavoratore e la lavoratrice sia dal punto di vista sanitario che da quello della prevenzione, trasferendo in tal modo al lavoratore e alla lavoratrice un’assistenza “a tutto tondo” che si riesce ad fornire solo sommando tutte le sinergie.
Tutte le strutture Regionali della Filcams Cgil hanno rispettivamente rappresentato l’interesse a partecipare all’indagine evidenziando che si tratta di uno studio che va condotto con estrema importanza e serietà data la mole di dati sensibili e riservatissimi che il lavoratore dovrà affidare alle strutture della Filcams e Inca. In seguito, pur rilevando le evidenti difficoltà nel riscontrare un capillare coinvolgimento dei lavoratori e delle lavoratrici durante le assemblee, ma confidando nelle ottime finalità del progetto e nella sua riuscita, si riuscirà a produrre nelle prossime giornate un elenco di aziende le cui caratteristiche sono ottimali per la finalità del piano di lavoro.
Come Filcams Nazionale abbiamo ribadito che è interesse primario della categoria intraprendere un percorso attivo in merito alla tematica della Salute e Sicurezza nel settore della distribuzione, settore dove vi è un innalzamento dell’età media lavorativa con conseguenza di aumento esponenziale delle malattie professionali ben note ed altre che potrebbero venire alla luce in seguito alle mutate condizioni di lavoro o di una nuova organizzazione dello stesso sempre soggetto a continui cambiamenti. Per queste motivazioni si è deciso quindi di aderire al progetto immediatamente, limitando monetariamente solo ad alcune Regioni le aree di studio. I risultati attesi, tralasciando per un attimo l’aspetto medico che è riservato per ovvi motivi all’INCA, saranno usati per migliorare le condizioni lavorative dei lavoratori intervenendo ove possibile con interventi di carattere sindacale.
In merito alla riservatezza dei dati l’INCA ha assicurato a tutti i partecipanti alla riunione il massimo riserbo nel trattamento delle risposte del questionario oltre a tranquillizzarli che sarà pienamente rispettata la normativa in vigore sulla privacy.
Al termine della riunione e al fine di rendere operativo quanto concordato durante l’incontro si è ipotizzata una tabella di marcia e nello specifico si precisa che le Segreteria della Filcams delle Regioni interessate produrranno un screening significativo di aziende su cui intervenire. Successivamente per motivare gli RSA, RSU e RLS e fargli comprendere meglio la finalità del progetto si è concordato di organizzare degli attivi su scala Regionale/Territoriale con la presenza delle parti interessate, con il supporto anche del medico competente dell’Inca, nella seconda meta del mese di Ottobre o, al massimo, entro la prima metà del mese di Novembre prossimi, per iniziare con la distribuzione e successivo ritiro dei questionari nel mese di gennaio 2017.

p. la Presidenza INCA CGIL p. la Filcams Cgil Naz
S. Candeloro D.Banchieri – G.Dalò