PRODUTTIVITÀ: INTESA SENZA LA CGIL, MARTINI UNICO RISULTATO È RIDUZIONE SALARI

22/11/2012

22 novembre 2012

Produttività: intesa senza la Cgil, Martini unico risultato è riduzione salari

È stato siglato nella serata del 21 novembre l’accordo sulla produttività tra governo e parti sociali. La Cgil non firma, ritenendola un’intesa che “scarica sui lavoratori i costi e le scelte per uscire dalla crisi” come ha affermato il segretario generale Susanna Camusso.
Critico anche Franco Martini segretario generale della Filcams Cgil Nazionale: “Nel documento non c’e’ nulla per la produttività, l’unico risultato che può avere è quello di ridurre ancora di più l’importo del salario dei lavoratori, in particolare per i nostri settori: commercio, turismo e servizi. In Italia, tra l’altro, – prosegue – il deficit sulla produttività nel commercio è dovuto a un modello distributivo basato su grandi superfici distributive che mostrano dei limiti e alla poca innovazione che è stata adottata".
Il rischio, secondo Martini è un aumento della precarietà, in un settore già completamente destrutturato e caratterizzato dalla presenza di molti contratti part time e a tempo determinato:” Ma quale altra flessibilità dobbiamo inserire?”.