Proclamazione stato di agitazione dipendenti ADECCO

FILCAMS CGIL – FISASCAT CISL – UILTUCS UIL
Segreterie Nazionali

Comunicato Sindacale

Alle lavoratrici e ai lavoratori di ADECCO SPA

PROCLAMAZIONE STATO DI AGITAZIONE

E’ giunta segnalazione da diverse aree e territori alle Segreterie Nazionali del perseverare di Adecco SpA nel perseguire le proprie modifiche organizzative senza nessun tipo di coinvolgimento delle rappresentanze sindacali.

Questa situazione è aggravata dal fatto che l’ azienda, di fronte alle legittime perplessità degli addetti interessati da spostamenti, cambi di mansione, decurtazioni del proprio salario, dichiari che le OOSS sarebbero state messe a conoscenza di queste modifiche e che non abbiano mosso obiezioni di merito.
Nell’ultimo incontro del 17 febbraio 2010 abbiamo apertamente criticato la politica aziendale a partire dal progetto Retail, dall’ utilizzo massiccio degli stages, dalle azioni unilaterali sul sistema incentivante di Sede e Centro Servizi, al peggioramento della qualità delle relazioni sindacali a tutti i livelli.
A quel tavolo si è consumata una profonda frattura, che ha portato la RSA ad indire assemblee sindacali su tutto il suolo nazionale.

Le lavoratrici e i lavoratori di Adecco Italia hanno manifestato forte disagio e preoccupazione rispetto al deciso cambio nella gestione delle relazioni industriali, condividendo ordini del giorno che miravano a promuovere una riflessione interna sulle azioni da intraprendere.

Le OO.SS. Nazionali nel ribadire l’assoluta contrarietà a quanto Adecco sta applicando unilateralmente nelle filiali, la Sede ed il Centro Servizi, in coerenza con il mandato delle assemblee dei lavoratori, proclamano lo stato di agitazione nazionale con blocco immediato di ogni prestazione lavorativa straordinaria e supplementare, demandando a livello territoriale le ulteriori iniziative di mobilitazione.

Roma, 24 marzo 2010