Primo Maggio in cento piazze d’Italia

30/04/2003

              mercoledì 30 aprile 2003

              Domani la Festa del lavoro con moltissime iniziative organizzate da Cgil, Cisl e Uil. Comizi e manifestazioni in tutto il Paese
              Primo Maggio in cento piazze d’Italia
              Epifani, Pezzotta e Musi ad Assisi: «Ricostruiamo la pace» è l’impegno dei sindacati

              Giampiero Rossi
              MILANO Un primo maggio nel nome della pace. Questo è il messaggio più forte che parte dalla manifestazione nazionale unitaria organizzata da Cgil, Cisl e Uil ad Assisi, ma anche dalle molte altre indette per la ricorrenza della festa del lavoro in tutte le città italiane grandi e piccole. «Ricostruiamo la pace» recita lo slogan della manifestazione che si concluderà con il comizio dei segretari
              generali Guglielmo Epifani, Savino Pezzotta (che riceverà l’investitura
              di Cavaliere del millennio per la pace), Adriano Musi (Luigi Angeletti sarà invece in Brasile con il presidente-sindacalista Lula).
              Non sarà dunque un primo maggio di sola festa (con il concertone
              romano di piazza San Giovanni), per le tre organizzazioni sindacali
              che in questi mesi si sono impegnate a fondo, premendo sul governo
              e le istituzioni internazionali perché assumessero l’iniziativa pr la ricostruzione della pace nei punti più aspri di conflitto aperti nel pianeta, a partire dall’Iraq e dal Medio Oriente. Di questo parleranno dal palco allestito presso la Rocca Maggiore di Assisi i leader confederali alle 12. Il concentramento è previsto per le 9,30 in via Porta Perlici, da dove alle 10,45 partirà il corteo.
              Ancora pace, ma anche diritti e solidarietà ai disabili, sono i temi
              scelti da Cgil, Cisl e Uil di Bologna per la manifestazione di domani,
              che vedrà le tre sigle insieme sui temi che uniscono ancora oggi il
              sindacato. Accantonati, per ora, gli argomenti che dividono, come l’articolo 18, si parlerà, invece, soprattutto di temi legati alla solidarietà, alle 10, durante una tavola rotonda in Piazza Maggiore. Nel pomeriggio, in Piazza VIII Agosto si svolgerà il tradizionale concerto.
              A Milano la manifestazione sindacale unitaria «per la pace e la cooperazione tra i popoli, per il diritto internazionale, per un’unione europea sociale e politica e per i diritti e i migranti in Italia e nel mondo» partirà alle 9,30 da Porta Venezia per raggiungere piazza Duomo. Oltre al segretario della Camera del lavoro Antonio Panzeri parleranno un lavoratore “atipico” e un immigrato straniero. Alle 15 appuntamento in piazza XXIV maggio per il “Mayday” dei sindacati di base.
              La segretaria generale della Cgil Carla Cantone (anche a nome delle
              altre due sigle sindacali) interverrà alla manifestazione di Brescia (concentramento alle 9,30 in piazza Garibaldi e comizio conclusivo in piazza della Loggia) e, nel pomeriggio, a quella di Reggio Emilia, caratterizzata dallo slogan «Solo in pace crescono i diritti» e che partirà alle 15 da viale Montegrappa per raggiungere piazza della Vittoria. Rappresentanti della segreteria nazionale della Cgil interverranno anche a Sassari (Gian Paolo Patta), a Varese
              (Morena Piccinini), ad Asti (Paola Agnello), a Rimini (Marigia
              Maulucci), a Cosenza (Nicoletta Rocchi) e ad Empoli (Achille Passoni). Sono una quarantina in tutto le iniziative organizzate da Cgil, Cisl e Uil in Toscana per il primo maggio: da Pontassieve a Monsummano, fino a Foiano della Chiana, dove oggi nel Duomo ci sarà la «vigilia del primo maggio, col vescovo di Arezzo monsignor Gualtiero Bassetti, padre Antonio Airò e Cgil, Cisl e Uil provinciali.
              A Firenze, oltre al programma ufficiale (compreso l’intervento
              del segretario nazionale Cgil Giuseppe Casadio), si terrà il consueto
              programma di festeggiamenti per il primo maggio a cura del comitato
              di piazza Isolotto, con mostre, giochi e intrattenimenti.
              Anche l’arcivescovo di Pompei, monsignor Domenico Sorrentino,
              prenderà parte alla manifestazione promossa da Cgil Cisl Uil per la
              Festa del lavoro. Il corteo partirà alle ore 9,30 da Villa dei Misteri per
              raggiungere piazza Schettino, dove è previsto il comizio del segretario
              generale della Cisl di Napoli, Alfonso Amendola che sarà preceduto da
              una serie di brevi interventi, tra i quali anche quello dello stesso arcivescovo di Pompei. Alla manifestazione ha aderito anche il sindaco di Napoli e il Comune sarà presente con il gonfalone della città.
              «Pace, lavoro e sicurezza nelle scuole» è invece lo slogan che contraddistingue la manifestazione unitaria di Niscemi, in provincia di Caltanissetta, dove per parlare del particolare stato di degrado delle strutture scolastiche interverranno anche bambini superstiti e genitori protagonisti del drammatico crollo durante il terremoto che ha colpito
              San Giuliano di Puglia. Interverranno il segretario della Cgil scuola regionale (Giuseppe Caruana) e nazionale (Enrico Pagnini).
              Come ogni anno anche gli italiani residenti a Monaco in Germania,
              partecipano al corteo realizzato in occasione del 1° maggio. L’appuntamento è previsto per le ore 10.45, davanti agli uffici dell’Arbeitsamt nella Kapuzinerstrasse.