Previdenza privata, Francario chiede di ridurre l’aliquota

20/06/2001

Corriere della Sera







il numero in edicola
ECONOMIA     
Previdenza privata, Francario chiede di ridurre l’aliquota

«Senza l’utilizzo del Tfr, rendite complementari insufficienti» Nel 2000 le gestioni hanno reso il 3,55%

      ROMA – Aumentano gli iscritti ai fondi pensione, ma l’adesione dei giovani è bassa mentre restano da sciogliere il nodo fiscale e quello del Tfr (trattamento di fine rapporto): fino a quando i fondi pensione non verranno finanziati con gli accantonamenti annuali per le liquidazioni (25 mila miliardi), le rendite che matureranno saranno insufficienti a garantire una decente integrazione delle pensioni obbligatorie. Lo dice la Covip (Commissione di vigilanza sui fondi pensione) nella relazione annuale presentata ieri al Cnel (Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro) dal presidente Lucio Francario.

      GLI ISCRITTI – Al 31 marzo 2001 risultano 107 fondi in attività e 20 autorizzati. Gli iscritti superano un milione e centomila. Se a questi si aggiungono gli aderenti ai fondi precedenti alla riforma del ’92, si arriva a un milione 800 mila iscritti e a una raccolta di 58 mila miliardi di lire. Il tasso di adesione è soddisfacente per i fondi negoziali o «chiusi», quelli cioè promossi da accordi tra sindacati e imprese, dice la Covip. Ce ne sono 18, con 768 mila aderenti, pari al 32,6% dei lavoratori interessati. Per Fonchim (lavoratori chimici) e Cometa (metalmeccanici), il tasso di adesione è del 37,3%. Tra il ’99 e il 2000 gli iscritti ai fondi chiusi sono aumentati del 26,3%. Quelli ai fondi «aperti» promossi da banche, assicurazioni e altri gestori professionali sono cresciuti del 63,6%, arrivando a 223 mila. A scegliere un fondo pensione sono però soprattutto i lavoratori più adulti. Stanno partendo anche i primi fondi nel pubblico impiego, ma Francario è preoccupato per «il problema posto dagli accantonamenti figurativi».

      FISCO E TFR – La riduzione dal 12,5 all’11% del prelievo sui redimenti dei fondi pensione non è sufficiente, spiega il presidente della Covip, a spingere il risparmio verso la previdenza complementare. Francario ha ricordato che la commissione Finanze della Camera aveva chiesto un’aliquota del 6,5%. L’autorità valuta positivamente la possibilità di dedurre i contributi ai fondi fino a 10 milioni l’anno, però sottolinea che siamo lontani da tali livelli di contribuzione perché il Tfr non viene ancora ben utilizzato. Soltanto i lavoratori assunti dopo il 28 aprile 1993 (data della riforma) che aderiscono a un fondo devono finanziarlo con l’intero accantonamento annuale del Tfr (6,9%) e quindi, con i versamenti dell’impresa, arrivano a soglie di contribuzione superiori al 9%. Gli altri invece utilizzano solo un paio di punti del Tfr e hanno quindi un livello di contribuzione di circa il 4,5%, con il risultato che dopo 25 anni avranno al massimo una rendita pari all’8-10% dell’ultima retribuzione, mentre avrebbero una pensione doppia utilizzando l’intero Tfr.

      RENDIMENTI E COSTI – Nel 2000 il rendimento dei fondi chiusi è stato del 3,55%, in linea con la rivalutazione del Tfr. Quello dei fondi aperti, a causa del cattivo andamento della Borsa, è stato invece del 2,9% (ma tenendo conto anche del ’99 si sale al 12,9%). Il costo delle commissioni e delle altre spese è stato di 29 mila lire a testa in media per gli iscritti ai fondi chiusi: un buon risultato, dice la Covip, e migliore di quello dei fondi aperti. Per promuovere la concorrenza, Francario giudica «utile l’equiparazione annunciata dal governo tra fondi chiusi e aperti».

Enrico Marro


Economia



© Corriere della Sera