Presentate cinque offerte per Parmatour

06/06/2005
    giovedì 2 giugno 2005

    Pagina 15

    Presentate cinque offerte per Parmatour

      MILANO Sono cinque le offerte vincolanti presentate per avere Parmatour. Questo quanto si apprende dopo l’apertura delle buste avvenuta ieri. Ora il commissario straordinario Enrico Bondi valuterà quale delle offerte rimaste in campo – 16 sono state quelle ammesse alla due diligence e poi una dozzina circa erano state quelle formalizzate dopo che all’inizio della procedura erano state presentate una quarantina di manifestazione di interesse – è la più interessante per Collecchio.
      Tra le cinque offerte, provenienti da gruppi italiani ed esteri, vi sarebbero sia proposte di rilevare l’ intero perimetro di Parmatour sia per avere parti decisive come la rete di agenzie, i tour operator o i villaggi. Nella dozzina da cui si è partiti, i gruppi che avevano inoltrato proposte per rilevare l’intera azienda erano stati gli spagnoli di Globalia, gruppo della famiglia Hidalgo (marchi Air Europa e Travelplan), il fondo Lm & Partners dei fratelli Magnoni.

      Per rilevare singole parti dell’ azienda si erano invece fatti avanti, a quanto noto, I Grandi Viaggi, Boscolo con l’ appoggio di Pirelli Re, il gruppo di catering Ligabue, la SefilTivigest, Aurum Hotels, Soglia hotels e Filodiretto per i villaggi; Platinum, Orogroup, Easymarket del fondo Wisequity vicino alla De Agostini e Cir, Eurotour Italia e Lamyl per il ramo tour operator.

      Chi acquista Parmatour, ovviamente, non compra con l’azienda i debiti accumulati in passato con la gestione Tanzi, oltre un miliardo di euro stando alle cifre note e accertate dalle indagini della guardia di finanza e dagli esperti contabili della Pricewaterhousecoopers. Peraltro, i conti e la cassa dell’ azienda sono in condizioni abbastanza buone, a quanto si apprende, tanto che il budget 2005 puntava a 120 milioni di ricavi netti e al raggiungimento di un break even operativo dopo che il 2004 si era chiuso in rosso per appena 21 milioni. I dipendenti dell’ intero perimetro Parmatour sono circa mille, e si arriva a circa 1.500 considerando anche gli stagionali.