Prenatal, esito incontro 24/09/2015

Roma, 25 settembre 2015

Testo Unitario

Il 24 settembre si è tenuto l’incontro programmato con Prenatal riguardante la situazione specifica della sede.

In apertura ci è stato comunicato che la Dott.ssa Consonni ha rassegnato le dimissioni da Prenatal, perciò le trattative saranno seguite dal Dott. Troncatti, Direttore Risorse Umane di Artsana, che era già presente all’incontro. L’azienda ci ha dato risposte di maggior dettaglio sulle richieste da noi avanzate la volta precedente, richieste che vogliono dare risposta sia alle lavoratrici ed ai lavoratori che si trasferiranno, sia a coloro che invece usciranno. Di seguito le prime risposte:

- indisponibilità a mettere a disposizione un bus/navetta. Disponibilità a concedere una piccola indennità trasferta per 6 mesi;

- Mantenimento della possibilità di ricorrere al l’orario flessibile, compresa la riduzione della pausa pranzo a mezz’ora, come previsto dall’integrativo Prenatal;

- Disponibilità a concedere il part time verticale, riservandosi però di confrontarsi con le OO.SS a livello territoriale sulla organizzazione del lavoro;

- Disponibilità a ricorrere alla Cigs per 12 mesi;

- Incentivi così distribuiti: 10 mensilità per chi chiederà di essere posto in mobilità durante i primi 4 mesi di Cigs, 7 mensilità per chi uscirà fra il quinto e l’ottavo mese, 4 mensilità dal nono mese fino alla fine della Cigs.

Dopo nostre ripetute richieste ci è stato specificato che l’indennità trasferta sarebbe quantificabile in 15 € mensili a persona, calcolando almeno 4 persone per auto.

Dopo una lunga discussione l’azienda ha modificato la propria posizione, se pur in parte ed ancora in maniera non soddisfacente.

Sull’incentivo, mantenendo le tempistiche declinate sopra ci è stata proposto un incremento a 11 mensilità per il primo step, 8 per il secondo, 6 per il terzo. Le mensilità, su nostra insistenza, dovrebbero essere " pesanti" (retribuzione annua diviso 12). Sia la Cigs che l’incentivo, riguarderanno sia i lavoratori considerati in esubero, che coloro che non accetteranno il trasferimento. Per quanto riguarda l’indennità trasferta l’azienda si è limitata a proporre un allungamento dei tempi da 6 mesi ad 11.

Abbiamo chiesto un ulteriore sforzo sull’incentivo, ma soprattutto sulla trasferta, che, essendo per altro molto limitata nel tempo, nel contesto complessivo rappresenta un costo minimo per l’azienda.

Abbiamo perciò chiesto all’azienda di fare gli approfondimenti necessari al fine di completare il quadro in occasione del prossimo incontro. Nel frattempo si attiverà il confronto, a livello territoriale, per i necessari approfondimenti di dettaglio.

Il prossimo incontro si terrà il giorno 09 ottobre, alle ore 11.00, presso la Confcommercio Nazionale, Piazza Belli 2, in Roma.

Il 15 ottobre, come ricorderete, scade il termine per la presentazione di eventuali ricorsi all’antitrust. In occasione del prossimo incontro intendiamo entrare nel merito anche di questo punto, soprattutto per avere maggiori informazioni riguardo ai punti vendita che dovrebbero essere ceduti.

Pertanto chiediamo la partecipazione delle strutture e delle RSA sia di Prenatal che di Holding dei Giochi.

p. la Filcams Cgil Nazionale

Sabina Bigazzi