PORTIERI – MINIMI DAL 1/01/2004

          Tabella A
          Portieri con profili professionali A), dell’art. 17 (valori mensili)
          Profili professionali A3) / A4)

          Validità
          1.1.’04 – 31.12.’04
          Salario unico minimo nazionale conglobato (art. 86):
          405,39
          Indennità di scala mobile (art. 89):
          508,58
          Indennità supplementari (art. 87):
          - per ogni 10 vani catastali o frazione superiore a 5 (oltre i 50 vani)
          0,77
          - per ogni ascensore o montacarichi
          2,03
          - per ogni scala oltre la prima
          2,59
          - per ogni citofono con centralino interfono
          1,75
          - appartamenti destinati esclusivamente ad uso di ufficio, ambulatorio, pensione, ecc. che aggravino notevolmente il lavoro del portiere: per ogni appartamento
          2,31
          - indennità pulizia scale:
          per ogni piano (1) a partire dal 6° compreso
          3,18
          - per pulizia cortili e/o spazi anche a verde e/o piani pilotis e/o porticati ad uso esclusivo dell’immobile: per superfici superiori a mq. 300, ogni 50 mq. o frazione superiore a mq. 25
          0,77
          - per pulizia ed innaffiamento spazi a verde (2): per superfici superiori a mq 100, ogni 50 mq. o frazione superiore a mq. 25
          0,77
          - per servizio di esazione (valore percentuale sulle somme riscosse)
          0,50%
          - per la conduzione delle caldaie di riscaldamento a carbone, limitatamente al periodo di accensione (3) – (4)
          38,59
          - per la conduzione degli impianti di riscaldamento e condizionamento a gasolio, limitatamente al periodo di accensione (3) – (4)
          24,46
          - per la conduzione degli impianti di riscaldamento e condizionamento a gas con o senza orologio, limitatamente al periodo di accensione (3) – (4)
          14,01
          - indennità ritiro raccomandate (immobile ad uso prevalente abitativo): per ogni unità immobiliare
          0,50
          - indennità ritiro raccomandate (immobile ad uso prevalente non abitativo): per ogni unità immobiliare
          0,70
          - Indennità intervento su ascensori:
          in caso di 1 ascensore
          2,50
          in caso di 2 ascensori
          3,50
          in caso di 3 ascensori
          4,50
          in caso di 4 ascensori
          5,50
          in caso di 5 o più ascensori
          6,50
          - indennità di apertura del portone:
          5,00
          - indennità di chiusura del portone:
          5,00
          - indennità di reperibilità:
          10,00

(1) Il numero dei piani è calcolato sommando quelli relativi a tutte le scale ad esclusione degli androni e del piano cantine.
Delibera n. 1/99 della C.P.N. in data 17 marzo 1999: "Devono essere considerati anche i piani superiori rispetto all’ultimo piano abitato, in quanto comprendenti terrazzi di copertura o locali tecnici".
(2) Nell’ipotesi di innaffiamento con mezzi elettrici o meccanici gli importi di cui sopra sono ridotti del 50%.
(3) Nel caso di esistenza di due caldaie, installate nello stesso locale, se entrambe funzionanti, i valori di cui sopra sono complessivamente aumentati del 50%.
(4) Nel caso di esistenza di una o più caldaie, anche se in locali diversi, per la sola produzione di acqua calda, quando non sia in funzione la caldaia per il riscaldamento, l’indennità per la conduzione delle medesime è di € 13,16.

Valori convenzionali mensili

per la determinazione del T.F.R. (art. 105, comma 3):

- alloggio
18,50
- energia
1,65
- riscaldamento
1,65

Indennità sostitutive o rimborsi (valori mensili)

da corrispondere in caso di mancato godimento degli elementi di cui alle lettere f), g), h) dell’art. 91:

- alloggio, per ogni vano (limitatamente ai sostituti non conviventi: art. 25, comma 1)
11,00
- alloggio (limitatamente al periodo di prova: art. 31, comma 2)
118,00
- energia elettrica (nei valori previsti dagli enti erogatori nella prima fascia)
40 kwh
- riscaldamento (per il periodo di accensione previsto localmente dalla normativa nazionale)
32,50

Tabella A-bis
Portieri con profili professionali A), dell’art. 17 (valori mensili)
Profili professionali A1) / A2) / A5)

Validità
1.1.’04 – 31.12.’04
Salario unico minimo nazionale conglobato (art. 86):
364,51
Indennità di scala mobile (art. 89):
469,16
Indennità supplementari (art. 87):
- per ogni 10 vani catastali o frazione superiore a 5 (oltre i 50 vani)
0,70
- per ogni ascensore o montacarichi
1,85
- per ogni scala oltre la prima
2,35
- per ogni citofono con centralino interfono
1,59
- appartamenti destinati esclusivamente ad uso di ufficio, ambulatorio, pensione, ecc. che aggravino notevolmente il lavoro del portiere: per ogni appartamento
2,10
- indennità pulizia scale:
per ogni piano (1) a partire dal 6° compreso
-
- per pulizia cortili e/o spazi anche a verde e/o piani pilotis e/o porticati ad uso esclusivo dell’immobile: per superfici superiori a mq. 300, ogni 50 mq. o frazione superiore a mq. 25
-
- per pulizia ed innaffiamento spazi a verde (2): per superfici superiori a mq. 100, ogni 50 mq. o frazione superiore a mq. 25
-
- per servizio di esazione (valore percentuale sulle somme riscosse)
0,50%
- per la conduzione delle caldaie di riscaldamento a carbone, limitatamente al periodo di accensione (3) – (4)
38,59
- per la conduzione degli impianti di riscaldamento e condizionamento a gasolio, limitatamente al periodo di accensione (3) – (4)
24,46
- per la conduzione degli impianti di riscaldamento e condizionamento a gas con o senza orologio, limitatamente al periodo di accensione (3) – (4)
14,01
- indennità ritiro raccomandate (immobile ad uso prevalente abitativo): per ogni unità immobiliare
0,50
- indennità ritiro raccomandate (immobile ad uso prevalente non abitativo): per ogni unità immobiliare
0,70
- Indennità intervento su ascensori:
in caso di 1 ascensore
2,50
in caso di 2 ascensori
3,50
in caso di 3 ascensori
4,50
in caso di 4 ascensori
5,50
in caso di 5 o più ascensori
6,50
- indennità di apertura del portone:
5,00
- indennità di chiusura del portone:
5,00
- indennità di reperibilità:
10,00

(1) Il numero dei piani è calcolato sommando quelli relativi a tutte le scale ad esclusione degli androni e del piano cantine.
Delibera n. 1/99 della C.P.N. in data 17 marzo 1999: "Devono essere considerati anche i piani superiori rispetto all’ultimo piano abitato, in quanto comprendenti terrazzi di copertura o locali tecnici".
(2) Nell’ipotesi di innaffiamento con mezzi elettrici o meccanici gli importi di cui sopra sono ridotti del 50%.
(3) Nel caso di esistenza di due caldaie, installate nello stesso locale, se entrambe funzionanti, i valori di cui sopra sono complessivamente aumentati del 50%.
(4) Nel caso di esistenza di una o più caldaie, anche se in locali diversi, per la sola produzione di acqua calda, quando non sia in funzione la caldaia per il riscaldamento, l’indennità per la conduzione delle medesime è di € 13,16.

Valori convenzionali mensili

per la determinazione del T.F.R. (art. 105, comma 3):

- alloggio
18,50
- energia
1,65
- riscaldamento
1,65

Indennità sostitutive o rimborsi (valori mensili)

da corrispondere in caso di mancato godimento degli elementi di cui alle lettere f), g), h) dell’art. 91:

- alloggio, per ogni vano (limitatamente ai sostituti non conviventi: art. 25, comma 1)
11,00
- alloggio (limitatamente al periodo di prova: art. 31, comma 2)
118,00
- energia elettrica (nei valori previsti dagli enti erogatori nella prima fascia)
40 kwh
- riscaldamento (per il periodo di accensione previsto localmente dalla normativa nazionale)
32,50

Nota a verbale
Ai lavoratori inquadrati nel profilo professionale A5) dal 1° gennaio 2000 sono mantenute ad personam eventuali condizioni di miglior favore acquisite in relazione a precedente inquadramento alla lettera E dell’art. 3 del C.C.N.L. 12 maggio 1995 e precedenti.

Tabella A-ter
Portieri con profili professionali A), dell’art. 17 (valori mensili)
Profili professionali A6) / A7)

Validità
1.1.’04 – 31.12.’04
Salario unico minimo nazionale conglobato (art. 86):
386,49
Indennità di scala mobile (art. 89):
488,87
Indennità supplementari (art. 87):
- per ogni 10 vani catastali o frazione superiore a 5 (oltre i 50 vani)
0,74
- per ogni ascensore o montacarichi
1,94
- per ogni scala oltre la prima
2,47
- per ogni citofono con centralino interfono
1,67
- appartamenti destinati esclusivamente ad uso di ufficio, ambulatorio, pensione, ecc. che aggravino notevolmente il lavoro del portiere: per ogni appartamento
2,21
- indennità pulizia scale:
per ogni piano (1) a partire dal 6° compreso
-
- per pulizia cortili e/o spazi anche a verde e/o piani pilotis e/o porticati ad uso esclusivo dell’immobile: per superfici superiori a mq. 300, ogni 50 mq. o frazione superiore a mq. 25
-
- per pulizia ed innaffiamento spazi a verde (2): per superfici superiori a mq. 100, ogni 50 mq. o frazione superiore a mq. 25
-
- per servizio di esazione (valore percentuale sulle somme riscosse)
-
- per la conduzione delle caldaie di riscaldamento a carbone, limitatamente al periodo di accensione (3) – (4)
-
- per la conduzione degli impianti di riscaldamento e condizionamento a gasolio, limitatamente al periodo di accensione (3) – (4)
-
- per la conduzione degli impianti di riscaldamento e condizionamento a gas con o senza orologio, limitatamente al periodo di accensione (3) – (4)
-
- indennità ritiro raccomandate (immobile ad uso prevalente abitativo): per ogni unità immobiliare
0,50
- indennità ritiro raccomandate (immobile ad uso prevalente non abitativo): per ogni unità immobiliare
0,70
- Indennità intervento su ascensori:
in caso di 1 ascensore
-
in caso di 2 ascensori
-
in caso di 3 ascensori
-
in caso di 4 ascensori
-
in caso di 5 o più ascensori
-
- indennità di apertura del portone:
5,00
- indennità di chiusura del portone:
5,00
- indennità di reperibilità:
10,00

(1) Il numero dei piani è calcolato sommando quelli relativi a tutte le scale ad esclusione degli androni e del piano cantine.
Delibera n. 1/99 della C.P.N. in data 17 marzo 1999: "Devono essere considerati anche i piani superiori rispetto all’ultimo piano abitato, in quanto comprendenti terrazzi di copertura o locali tecnici".
(2) Nell’ipotesi di innaffiamento con mezzi elettrici o meccanici gli importi di cui sopra sono ridotti del 50%.
(3) Nel caso di esistenza di due caldaie, installate nello stesso locale, se entrambe funzionanti, i valori di cui sopra sono complessivamente aumentati del 50%.
(4) Nel caso di esistenza di una o più caldaie, anche se in locali diversi, per la sola produzione di acqua calda, quando non sia in fuzione la caldaia per il riscaldamento, l’indennità per la conduzione delle medesime è di € 13,16.

Valori convenzionali mensili

per la determinazione del T.F.R. (art. 105, comma 3):

- alloggio
18,50
- energia
1,65
- riscaldamento
1,65

Indennità sostitutive o rimborsi (valori mensili)

da corrispondere in caso di mancato godimento degli elementi di cui alle lettere f), g), h) dell’art. 91:

- alloggio, per ogni vano (limitatamente ai sostituti non conviventi: art. 25, comma 1)
11,00
- alloggio (limitatamente al periodo di prova: art. 31, comma 2)
118,00
- energia elettrica (nei valori previsti dagli enti erogatori nella prima fascia)
40 kwh
- riscaldamento (per il periodo di accensione previsto localmente dalla normativa nazionale)
32,50

Tabella A-quater
Portieri con profili professionali A), dell’art. 17 (valori mensili)
Profili professionali A8) / A9)

Validità
1.1.’04 – 31.12.’04
Salario unico minimo nazionale conglobato (art. 86):
408,46
Indennità di scala mobile (art. 89):
508,58
Indennità supplementari (art. 87):
- per ogni 10 vani catastali o frazione superiore a 5 (oltre i 50 vani)
0,77
- per ogni ascensore o montacarichi
2,03
- per ogni scala oltre la prima
2,59
- per ogni citofono con centralino interfono
1,75
- appartamenti destinati esclusivamente ad uso di ufficio, ambulatorio, pensione, ecc. che aggravino notevolmente il lavoro del portiere: per ogni appartamento
2,31
- indennità pulizia scale:
per ogni piano (1) a partire dal 6° compreso
-
- per pulizia cortili e/o spazi anche a verde e/o piani pilotis e/o porticati ad uso esclusivo dell’immobile: per superfici superiori a mq. 300, ogni 50 mq. o frazione superiore a mq. 25
-
- per pulizia ed innaffiamento spazi a verde (2): per superfici superiori a mq. 100, ogni 50 mq. o frazione superiore a mq. 25
-
- per servizio di esazione (valore percentuale sulle somme riscosse)
0,50%
- per la conduzione delle caldaie di riscaldamento a carbone, limitatamente al periodo di accensione (3) – (4)
38,59
- per la conduzione degli impianti di riscaldamento e condizionamento a gasolio, limitatamente al periodo di accensione (3) – (4)
24,46
- per la conduzione degli impianti di riscaldamento e condizionamento a gas con o senza orologio, limitatamente al periodo di accensione (3) – (4)
14,01
- indennità ritiro raccomandate (immobile ad uso prevalente abitativo): per ogni unità immobiliare
0,50
- indennità ritiro raccomandate (immobile ad uso prevalente non abitativo): per ogni unità immobiliare
0,70
- Indennità intervento su ascensori:
in caso di 1 ascensore
2,50
in caso di 2 ascensori
3,50
in caso di 3 ascensori
4,50
in caso di 4 ascensori
5,50
in caso di 5 o più ascensori
6,50
- indennità di apertura del portone:
5,00
- indennità di chiusura del portone:
5,00
- indennità di reperibilità:
10,00

(1) Il numero dei piani è calcolato sommando quelli relativi a tutte le scale ad esclusione degli androni e del piano cantine.
Delibera n. 1/99 della C.P.N. in data 17 marzo 1999: "Devono essere considerati anche i piani superiori rispetto all’ultimo piano abitato, in quanto comprendenti terrazzi di copertura o locali tecnici".
(2) Nell’ipotesi di innaffiamento con mezzi elettrici o meccanici gli importi di cui sopra sono ridotti del 50%.
(3) Nel caso di esistenza di due caldaie, installate nello stesso locale, se entrambe funzionanti, i valori di cui sopra sono complessivamente aumentati del 50%.
(4) Nel caso di esistenza di una o più caldaie, anche se in locali diversi, per la sola produzione di acqua calda, quando non sia in funzione la caldaia per il riscaldamento, l’indennità per la conduzione delle medesime è di € 13,16.

Valori convenzionali mensili

per la determinazione del T.F.R. (art. 105, comma 3):

- alloggio
18,50
- energia
1,65
- riscaldamento
1,65

Indennità sostitutive o rimborsi (valori mensili)

da corrispondere in caso di mancato godimento degli elementi di cui alle lettere f), g), h) dell’art. 91:

- alloggio, per ogni vano (limitatamente ai sostituti non conviventi: art. 25, comma 1)
11,00
- alloggio (limitatamente al periodo di prova: art. 31, comma 2)
118,00
- energia elettrica (nei valori previsti dagli enti erogatori nella prima fascia)
40 kwh
- riscaldamento (per il periodo di accensione previsto localmente dalla normativa nazionale)
32,50
Tabella B
Lavoratori con profili professionali B), dell’art. 17

Validità 1.1.’04 – 31.12.’04
B1)
B2)
B3)
B4)
B5)
Paga oraria unica minima nazionale conglobata (art. 94):
3,37
3,09
3,09
2,72
2,44
Indennità oraria di scala mobile (art. 89):
2,52
2,51
2,51
2,49
2,47

Tabella C
Lavoratori con profili professionali C), dell’art. 17

Validità 1.1.’04 – 31.12.’04
C1)
C2)
C3)
C4)
C4)
1°Impiego
(per i primi 12 mesi)
Stipendio mensile unico minimo nazionale (art. 95):
960,77
842,03
674,05
495,45
417,23
Indennità mensile di scala mobile (art. 89):
539,70
534,53
531,95
520,59
454,48

Nota a verbale
Le retribuzioni indicate alla colonna C4) – 1° impiego, sono dovute all’impiegato d’ordine di 1° impiego, per un periodo massimo di 12 mesi di effettivo servizio.

Tabella D
Lavoratori con profilo professionale D1), dell’art. 17
(valori mensili)
Profilo professionale D1)

Validità
1.1.’04 – 1.12.’04
Salario unico minimo nazionale conglobato (art. 86):
457,50
Indennità di scala mobile (art. 89):
512,50