POLYEDRA, SCIOPERO DEI DIPENDENTI

23/07/2013

23 luglio 2013

Polyedra, sciopero dei dipendenti

Polyedra, leader italiano nella distribuzione di carta di stampa e affini con attualmente 251 dipendenti, dopo il cambio di proprietà che ha visto subentrare nel luglio 2012 il gruppo internazionale LECTA proprietario di cartiera in Spagna, Francia, Italia ( Riva del Garda), ha comunicato un fumoso piano di ristrutturazione che preannuncia trasferimenti di grandi gruppi di dipendenti da una regione all’altra e la chiusura di sedi aziendali ed esternalizzazione di funzioni.

Solo qualche anno fa i dipendenti italiani erano oltre 450 e l’attuale organico è il risultato di un doloroso processo di ristrutturazione che ha utilizzato cassa integrazione, mobilità e pensionamenti.

È per questo motivo che le Rsa Polyedra e i sindacati di categoria CGIL, CISL e UIL hanno indetto lo stato di agitazione dell’intero gruppo con sospensione delle prestazioni straordinarie e lo sciopero (4 ore dall’inizio dei turni), per il 25 luglio, del personale delle filiali di Prato, Genova e di Pianezza (TO) nelle quali è stato disdettato il contratto d’affitto.

Le Rappresentanze sindacali aziendali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil unitamente alle Federazioni Nazionali e Territoriali valutata la preoccupante situazione aziendale “ritengono indispensabile che Polyedra assuma le proprie responsabilità e dichiari formalmente le proprie intenzioni, “affermano in un nota, invitando ad “un confronto leale e costruttivo con le rappresentanze sindacale aziendali e il sindacato a partire dall’incontro già concordato per il 29 luglio prossimo”.

In questa settimana saranno svolte le assemblee dei lavoratori in tutte le sedi di lavoro.