Polo turistico di Siracusa: accordo sulla flessibilità

21/09/2000

loghino.gif (3272 byte)

ombraban.gif (478 byte)



Giovedì 21 Settembre 2000
italia – lavoro
Polo turistico di Siracusa: accordo sulla flessibilità

(NOSTRO SERVIZIO)

SIRACUSA Maggiore ricorso ai contratti a termine, moratoria sulla contrattazione integrativa, agevolazione alla formazione e mobilità del personale. Sono questi i punti salienti del protocollo d’intesa sottoscritto ieri dal presidente dell’associazione degli industriali della provincia di Siracusa, Ivan Lo Bello e i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Giuseppe Zappulla, Enzo Scatà e Giovanni Greco, per agevolare le imprese che investiranno 800 miliardi nella realizzazione di un maxi-polo turistico alberghiero a Ortigia e lungo la fascia costiera fino a Noto.

I sindacati confederali hanno concordato con gli imprenditori un maggiore ricorso, nell’ambito delle possibilità offerte dalla normativa contrattuale, ai contratti a termine, una moratoria per la durata di quattro anni della contrattazione decentrata, incentivi finalizzati alla formazione iniziale e continua, l’utilizzo del personale nei momenti di maggiore concentrazione dell’attività con il recupero graduale delle prestazioni durante la bassa stagione, nonché la mobilità del personale tra i gruppi alberghieri nell’ambito dello stesso bacino territoriale. I sindacati hanno concordato anche la definizione, limitata però alla fase d’attuazione dei progetti, di forme di flessibilità, a beneficio delle imprese di costruzione ed impiantistica, impegnate nella realizzazione delle opere strutturali ed infrastrutturali.

Si tratta della prima tappa di un itinerario concertato dalle organizzazioni, che prevede la definizione dello strumento urbanistico, l’approvazione dello stralcio del progetto, e la firma d’un accordo di programma finalizzato all’accelerazione delle procedure per il rilascio di concessioni e autorizzazioni, indispensabili per dare il via alle iniziative.

Il progetto d’Area Siracusa (Master plan di Ortigia e fascia costiera, che s’inquadra nell’ambito del programma integrato Turismo Sicilia) è stato realizzato dalla società Europrogetti e Finanza del Gruppo della Banca di Roma, su commissione dell’associazione degli industriali di Siracusa.

Il progetto prevede investimenti per oltre 800 miliardi per la realizzazione nel centro storico, lungo la costa e all’interno (Noto) di strutture alberghiere per circa seimila posti letto e la creazione, a regime, di oltre tremila posti di lavoro tra diretti e indiretti.

Giambattista Pepi