Più voce al terziario avanzato

24/07/2003

ItaliaOggi (Economia e Impresa)
Numero
174, pag. 15 del 24/7/2003
di Roberto Cultrera


Iniziativa cna.

Più voce al terziario avanzato

Cna Comunicazione sta organizzando per il prossimo autunno un evento nazionale di confronto sulle tematiche del terziario avanzato. L’iniziativa si collega con l’esigenza di rappresentare all’interno del sistema Cna tutto il settore dei servizi professionali e del terziario avanzato, come sostenuto dalla presidenza di Cna Comunicazione.

´Questa nuova area, che costituisce un’enorme sfida anche dal punto di vista associativo’, ha affermato il presidente di Cna Comunicazione, Lorenzo Marchetti, ´consentirebbe di completare adeguatamente l’area di rappresentanza della comunicazione in Cna, affiancando il mondo delle imprese del settore grafico, editoriale e dell’immagine, già rappresentato dai comparti presenti e attivi all’interno dell’area, con le categorie del marketing, delle relazioni pubbliche, del multimediale, dell’e-content e di altri servizi innovativi (progettazione, consulenza, facility management, Ict ecc.)’.

Senza politiche mirate, ha continuato Marchetti, le piccole imprese del settore (spesso strutturate in maniera micro-imprenditoriale o libero-professionale) rischiano di perdere in breve tempo anche quel 20% del mercato che la concentrazione delle commesse in poche grandi imprese nazionali e multinazionali ha lasciato loro, e che rappresenta comunque un mercato con un ricavo netto complessivo di 200 milioni di euro, con 5 mila addetti. ´Occorre dare più voce a questi imprenditori’, ha concluso Marchetti, ´perché il comparto è dinamico e in crescita, anche se nel Dpef non sono previsti interventi di sostegno alle aziende del settore’.