Più sportelli, meno negozi

21/04/2006
    venerd� 21 aprile 2006

    Pagina 44 – Economia

      Pi� sportelli, meno negozi
      le banche invadono le citt�

        Pi� 33% in 10 anni, punte dell�80-90% a Roma e Milano
        31.235

          Alla diminuzione del numero di istituti di credito ha corrisposto un boom della rete bancaria. Dal 2000 ad oggi il 10 per cento di aumento
          L�Italia ha eguagliato e forse gi� superato la media europea: 5,4 ogni agenzie ogni diecimila abitanti. La superficie media da 500 a 150 mq

            ROSA SERRANO
            Meno banche e pi� sportelli bancari. Cos� pu� essere sintetizzata la presenza del mondo creditizio sul territorio nazionale. Sulla base dei dati Abi elaborati da "Scenari Immobiliari", mentre le banche presenti in Italia nel 1995 erano 954, nel 2005 si sono attestate a quota 778 con un calo, quindi, del 18,5%. Nello stesso periodo, gli sportelli bancari dai 23.440 del 1995, sono diventati 30.946 all�inizio 2005, facendo registrare un ulteriore balzo in avanti a fine settembre 2005 (31.235) secondo i dati Bankitalia, con un aumento del 33%. E negli ultimi cinque anni l�incremento � stato del 10%, con punte del 14% a Bologna e del 12% a Roma. Mentre il fenomeno delle aggregazioni e acquisizioni ha notevolmente "alleggerito" il numero degli istituti di credito, la diffusione della rete bancaria ha fatto registrare una presenza sempre pi� capillare sul territorio, con la conseguenza che la sempre maggiore richiesta di spazi per l�apertura di nuovi sportelli ha, di fatto, ridotto le possibilit� per il commercio tradizionale.

            Nelle grandi citt�, infatti, continua e si rafforza il fenomeno dell�espulsione di negozi tradizionali che vengono sostituiti con l�apertura di nuovi sportelli bancari o di negozi di importanti imprese commerciali: le banche ormai contengono alle grandi firme della moda le migliori posizioni nelle vie commerciali delle citt� italiane. Il fenomeno della sempre maggiore penetrazione sul territorio del mondo bancario si � manifestato in misura pi� o meno significativa in tutte le zone delle citt�, soprattutto in quelle di grandi dimensioni. Un�indagine effettuata da "Scenari Immobiliari" per "Repubblica" sulla base degli indirizzari dell�associazione bancaria, che ha preso in considerazione solo gli sportelli bancari delle grandi citt�, evidenzia exploit notevoli.

              A Milano nell�ultimo decennio il numero degli sportelli bancari � aumentato del 90% (dai 526 del 1995 ai 1.000 del 2005). Nella capitale l�aumento risulta di poco pi� forte (+80%). Anche in altre grandi citt�, l�avanzata degli sportelli bancari � risultata rilevante: + 57% a Bari, + 54% a Bologna, + 49% a Firenze e pi� 47% a Napoli. Questo grande movimento ha permesso al nostro Paese di raggiungere gi� nel 2000 la media europea degli sportelli bancari (4,9 ogni 10.000 abitanti). Che sono diventati 5,4 nel 2005. �Questo fenomeno, che ha avuto riflessi anche sui mercati immobiliari cittadini – afferma Mario Breglia, presidente di Scenari Immobiliari – � stato innescato nel 1990 con la sostanziale liberalizzazione da parte di Bankitalia all�apertura di nuovi sportelli bancari ed � proseguito anche per effetto della concorrenza, con l�ingresso sul mercato di banche estere�. Si � cos� modificata anche la struttura e la dimensione degli sportelli bancari: quelli tradizionali avevano mediamente grandi dimensioni (400-500 mq) ed erano quasi sempre di propriet� diretta della banca. Inoltre, la localizzazione degli sportelli teneva in scarsa considerazione le esigenze della clientela. Con il nuovo sistema si � allargata la competizione tra banche e lo sportello si � trasformato, in molti casi, in un "market place". La maggior parte delle banche ha diviso l�agenzia in diverse aree. A fianco delle aree tradizionali ci sono servizi nuovi come lo sportello per i mutui, quello del private equity e quello per l�assistenza alle piccole e medie imprese. La superficie media si � ridotta a 150 mq. E� nato cos� lo "sportello leggero", dove al posto del tradizionale caveau si trova solo un armadio blindato. Ed � diminuita la movimentazione di denaro contante con l�introduzione dei bancomat self service. �Questo approccio molto orientato al mercato – rileva Breglia – ha cambiato anche il modo in cui la banca � presente nel mercato immobiliare dei negozi. Prima le banche cercavano gli spazi migliori dove posizionarsi e spesso li compravano. Negli ultimi anni, invece, gli spazi si cercano soprattutto in affitto�.