Più poteri alla Covip per il Tfr

14/06/2005
    martedì 14 giugno 2005

      NORME E TRIBUTI – pagina 26

        NUOVA PREVIDENZA • Conto alla rovescia per il provvedimento: entro la settimana all’esame dell’Esecutivo

          Più poteri alla Covip per il Tfr n
          o
          Nessuna variazione in vista sull’aliquota unica e per le compensazioni

          MARCO ROGARI

            ROMA • Scatta il count down finale per il varo del decreto attuativo sulla riforma della previdenza integrativa. A meno di sorprese dell’ultima ora, il provvedimento dovrebbe ottenere il via libera del Consiglio dei ministri domani o giovedì. Una conferma implicita arriva dal sottosegretario al Welfare, Alberto Brambilla: « Per il prossimo fine settimana ci saranno aggiornamenti » . I tecnici del ministeri stanno apportando le ultime limature al testo. Il capitolo fiscale è quasi completato anche sulla base delle ultime indicazioni arrivate dal Tesoro.

            Dovrebbe essere confermata l’aliquota unica del 15% sulle prestazioni, già inserita nella bozza originaria del decreto. La tassazione sui rendimenti non cambierà: resterà cioè dell’ 11 per cento. Ma ci saranno alcune variazioni sul meccanismo da far scattare per il calcolo. Quanto alla Covip, il decreto si muove nella logica di una vigilanza a tutto campo, comprese quindi le polizze individuali.

            Proprio in quest’ottica potrebbe scattare un potezionamento della Commissione di vigilanza anche sul versante del personale: i dipendenti assunti con contratti a tempo determinato potranno essere inquadrati in ruolo attraverso appositi concorsi interni. Un’eventualità, quest’ultima, non contemplata dalla prima bozza. La scelta del ministro Maroni, insomma, appare chiara: prevedere un ruolo molto forte per la Covip, confidando nell’approvazione degli emendamenti alla riforma sul risparmio presentati in Parlamento. Ma appare chiaro che se questo disco verde non dovesse arrivare, il decreto attuativo del Welfare entrerebbe automaticamente in contrasto con l’attuale versione del provvedimento. E questo non è il solo punto ancora da chiarire Nessuna variazione, al momento, è prevista per il capitolo della compensazioni da garantire alle imprese. L’ultima versione del testo introduce la deducibilità dal reddito di impresa di un importo pari al 4% dell’ammontare del Tfr destinato annualmente a forme complementari, che sale al 6% per le aziende con meno di 50 addetti. È poi previsto l’esonero dal pagamento del contributo al fondo di garanzia Inps. Ma resta tutto da risolvere il problema delle agevolazioni per l’accesso al credito. Soprattutto sulla questione dell’automatismo un’intesa tra il ministro Maroni e le banche appare lontana. In ogni caso non spetterà al decreto disciplinare questo meccanismo.

            L’altro grande nodo da sciogliere è quello della destinazione del Tfr in caso di mancata scelta del lavoratore nei sei mesi a sua disposizione prima del " silenzio assenso". Resta da vedere se i correttivi adottati dal Welfare ( si veda « Il Sole 24 Ore » dell’ 11 giugno) soddisferanno i sindacati. E resta anche da capire se le parti sociali gradiranno il provvedimento nel complesso, che nasce dall’impianto della bozza originaria preparata da Brambilla.

            Cgil Cisl, Uil e Ugl insistono sulla necessità che venga recepito il più ampiamente possibile l’avviso comune su cui le parti sociali hanno raggiunto un’intesa nei mesi scorsi. Il varo del decreto, insomma, rappresenta una sorta di " momento della verità". Solo a quel punto, come ha detto anche Maroni, il confronto tra Governo e parti sociali entrerà davvero nel vivo.

              Lavoratori al bivio

              Le opzioni a disposizione per l’impiego del Tfr

              La definizione. Le forme pensionistiche complementari sono attuate mediante la costituzione di appositi fondi la cui denominazione deve contenere l’indicazione di " fondo pensione", che non può essere utilizzata da altri soggetti

              Forme pensionistiche complementari collettive. Quelle istituite da contratti e accordi collettivi, regolamenti di enti o aziende, ma anche fondi aperti, che hanno ottenuto l’autorizzazione della Covip e sono iscritte nell’apposito albo, alle quali è possibile aderire collettivamente o individualmente e con l’apporto di quote del Tfr

              Forme pensionistiche complementari individuali. Fondi aperti e polizze vita che hanno ottenuto l’approvazione del regolamento da parte della Covip alle quali è possibile destinare quote del Tfr