Piattaforma rinnovo T.U.C.I. Gruppo BOFROST 02/07/2010

RICHIESTE PER RINNOVO T.U.C.I. GRUPPO BOFROST*

Premessa Generale

Si richiede di attualizzare e rendere coerente rispetto alle mutate esigenze del Gruppo, la Premessa Generale del T.U.C.I. rispetto a quanto accaduto nell’arco temporale 2007/2010.

In particolare, nel rilevare:

  • le difficoltà commerciali delle società del “Gruppo” (2007/2008)
  • la riorganizzazione delle diverse aziende del Gruppo unitamente alla gestione degli ammortizzatori sociali;

nonchè nel sottolineare l’importanza rivestita da scelte politiche e commerciali rispetto:

  • il ruolo assegnato alla Bofrost* Italia in campo europeo;
  • l’annunciato sviluppo del “Gruppo” in Italia (“Progetto per il Sud).

Riteniamo che le premesse vadano integrate anche attraverso un modello meglio sviluppato di relazioni sindacali che integri i punti 1) e 2) dell’articolo 1 “Modello di Relazioni Sindacali”.
Riteniamo, inoltre, che in riferimento al contesto Europeo e in quello insito nel “Progetto Sud”, sia necessario avviare la costituzione del Comitato Aziendale Europeo (CAE) e conseguentemente l’implementazione del sistema di relazioni sindacali a livello decentrato.

Sicurezza
Su tale materia si richiede di operare, anche tramite la “Commissione ambiente e sicurezza” di cui all’articolo 4), per addivenire a specifiche intese nazionali da valere per le diverse aziende del “Gruppo”.

Formazione
Sulla base di quanto prodotto su tale tematica, si richiede di predisporre programmi e progetti per gli anni 2010/2013, anche attraverso la formazione finanziata dai fondi interprofessionali.
Si richiede, inoltre, di inserire all’interno dei corsi per il personale, anche le materie riguardanti il diritto del lavoro e la bilateralità.

Mercato del Lavoro
Si richiede di disciplinare l’attività svolta dalla così detta “Promoter”, figura professionale oggi divenuta una realtà importante all’interno del Gruppo.

Prestazione Lavorativa
Fatto salvo quanto stabilito in materia dall’articolo 10) del T.U.C.I. si richiede di valutare l’opportunità di prevedere ulteriori forme di distribuzione dell’orario settimanale di lavoro, sia per coloro ai quali viene applicato il CCNL del Terziario, sia per coloro ai quali viene applicato il Protocollo Aggiuntivo per Operatori di Vendita.
Si richiede pertanto di aprire una discussione sulla possibilità di alternare settimane lavorative di 6 giorni con altrettante settimane lavorative di 4 giorni per i lavoratori che ne facciano volontaria richiesta.
L’Organizzazione del Lavoro per tali figure sarà materia di definizione nel rinnovato T.U.C.I., nonché di attuazione e controllo locale.
In tale contesto si richiede di approfondire e trovare possibili soluzioni anche ai problemi relativi ai tempi di vita e ai tempi di lavoro.

Impiegate di Filiale
Si richiede di esaminare il “Premio” di tale figura, in quanto non ha ancora trovato una adeguata collocazione all’interno dei sistemi di salario variabile del Gruppo.

Disciplina dell’Inventario
Si richiede di rendere più chiare le procedure per gli inventari, al fine di una comune maggiore tutela, dei lavoratori e dell’impresa.

Festività del Santo Patrono
Si richiede di fissare una nuova maggiorazione, rivalutabile così come previsto dalle norme del T.U.C.I., nel caso di prestazione lavorativa durante la suddetta festività.

Giorno di Erogazione delle Retribuzioni
Anche a fronte delle nuove normative bancarie si richiede di aggiornare quanto stabilito dall’articolo 20) del T.U.C.I.

Welfare Aziendale
Si richiede di verificare l’effettivo utilizzo del welfare aziendale, in particolare quellom riferito all’articolo 22) del T.U.C.I.

Premio Mancato Incidente
Si richiede di modificare quanto previsto all’articolo 23 relativo al premio collettivo “Qualità e Sicurezza”, peraltro mai applicato, e di riportarlo invece nell’ambito del “Premio per Mancato Incidente” di cui alla contrattazione precedente, rivisitandone i contenuti normativi ed economici.

Trattamento Economico Integrativo
In conseguenza dei nuovi assetti organizzativi nelle aziende del “Gruppo” si richiede di ridefinire i parametri e gli indicatori delle diverse schede di “Salario Variabile”.
Nell’ambito di tale valutazione si richiede anche di definire meglio le varie figure professionali esistenti nel Gruppo in relazione alle professionalità espresse, e più in generale, alla crescita professionale degli addetti e alla loro formazione.

2 luglio 2010

Link Correlati
     Invio alla controparte