Piattaforma rinnovo CIA Salmoiraghi Viganò 17/04/1998

PIATTAFORMA RIVENDICATIVA
SALMOIRAGHI VIGANO’

Premessa
L’obiettivo è quello di procedere al rinnovo del CIA superando l’attuale accordo integrativo dell’area di Milano estendendone la validità a tutto il territorio nazionale.

Relazioni Sindacali
Si richiede l’esercizio del diritto di informazione – confronto attraverso le seguenti articolazioni.

Livello Nazionale
Incontri a cadenza semestrale di natura preventivi/consuntivi da tenersi fra la Direzione Aziendale e le Segreterie Nazionali FILCAMS-FISASCAT-UILTUCS e il coordinamento Nazionale unitario sulle seguenti materie.

·Sviluppo (investimenti legati a nuove aperture e a processi di ristrutturazione)
·Politiche commerciali
·Fatturato
·Politiche di sviluppo professionale (formazione)
·Processi di innovazione tecnologica e organizzativa
·Organici articolati per tipologie
·Interventi per la prevenzione e la sicurezza dei lavoratori (sede/punti vendita) in coerenza con quanto definito dal D.Lgs. 626/94

Livello decentrato regionale/sub regionale
Incontri a cadenza semestrale a carattere preventivo/consuntivo da tenersi a livello di area metropolitana (addensamento significativo di P.V.) su tutte le materie e titolo di “diritti di informazione” a livello nazionale e in merito ai processi di mobilità del personale

Livello decentrato di gestione di materie demandate al singolo punto vendita
Incontri da tenersi periodicamente qualora una delle parti ne ravvisi le necessità sulle seguenti materie:

·Andamento singola unità
·Composizione organici
·Modelli organizzativi/modularità oraria

Azioni Positive per le pari opportunità
Istituzione di un Comitato Nazionale Salmoiraghi/Viganò con il compito di:

a)promuovere campagne informative in materia di pari opportunità, tramite produzione e diffusione di materiale ad hoc, organizzazione di incontri ect…
b)raccogliere ed analizzare informazioni circa la situazione del personale maschile e femminile utilizzando, come base conoscitiva, anche il rapporto che l’azienda stessa invia al Ministero del Lavoro ai sensi dell’art. 9 della Legge 125/91
c)promozione a livello territoriale di progetti di azioni positive fornendo adeguati supporti specialistici
d)seguire l’iter dei progetti presentati al Ministero
e)rapportarsi con tutte le istituzioni che hanno legiferato in materia
f)mettersi in relazione con i Consiglieri per le pari opportunità operanti a livello regionale

Sicurezza L.626/94
Verifica stato di applicazione dell’accordo interconfederale in materia di sicurezza e salute nei posti di lavoro sottoscritto in data 18.11.’96 al fine di determinare l’adempimento degli obblighi conseguenti.

Professionalità e formazione
Esame coerenza professionalità/inquadramento (es. ottici optometristi inquadrati al IV livello).
Definizione di un piano di formazione professionale: incontro annuale su obiettivi, modalità, criteri.

Orario di lavoro
Verificare i regimi orari e una armonizzazione dei medesimi con gli articolati previsti nel CCNL
·rimodulazione dell’orario settimanale
·regolamentazione del lavoro nelle giornate festive
·rimodulazione orario annuale rapportato sia a specificità di localizzazione dei P.V. (località turistiche) che rispondenti a un calendario di attività di punte commercialmente intense
·esame della questione degli orari dei negozi inseriti nei centri commerciali
·definizione quantità e qualità delle deroghe domenicali
·definizione dei calendari annuali delle deroghe
·definizione trattamento economico lavoro domenicale (retribuzione ore lavorate + riposo compensativo + maggiorazione)

Assistenza integrativa
Esame dell’opportunità di costituire un fondo aziendale per integrare prestazioni sanitarie non previste dal Sistema sanitario pubblico
Ticket mensa o pasto
Rivisitazione e omogeneizzazione della corresponsione del buono mensa

Ferie
Determinare programmazione annua

Mobilità
Arginare il ricorso alla mobilità tra un negozio e l’altro al di fuori del territorio metropolitano. Limitare la mobilità da un negozio ad un altro, ferma restando l’informazione preventiva alle RSU, alle aree metropolitane; per i territori dove ciò non è possibile definire il limite chilometrico e le eventuali relative indennità.

Anticipo liquidazione
Possibilità di corresponsione dell’anticipo della liquidazione per motivi diversi da quelli previsti dalla Legge 297/82

Premio di produttività
Si richiede la ridefinizione del meccanismo di produttività in sostituzione dell’attuale sistema vigente (identificando forme di garanzia per le attuali erogazioni a tale titolo) che sia in sintonia con quanto determinato nell’Accordo interconfederale del Luglio 1993

Link Correlati
     Invio alla controparte