Ikea Italia, Piattaforma rinnovo CIA 27/10/2004

FILCAMS-CGIL FISASCAT-CISL UILTUCS-uIL

IKEA – Rinnovo C.I.A.

Piattaforma per il rinnovo del Contratto Integrativo

Premessa:

Il rinnovo del contratto integrativo aziendale assume particolare rilevanza visto il forte attacco alla contrattazione collettiva ed ai diritti dei lavoratori avvenuto in questo lungo periodo. Esso si colloca anche a valle di una lunga e difficile stagione contrattuale caratterizzata dal tentativo di destrutturare il mercato del lavoro ed avere massima flessibilità’ all’interno dei luoghi di lavoro. Il CCNL ha comunque riconfermato il ruolo della contrattazione aziendale e l’obbiettivo di questo rinnovo è quello di valorizzarla. Con il rinnovo del CIA del gruppo IKEA, azienda in grande espansione nazionale e internazionale, vogliamo migliorare le condizioni di lavoro per tutti i lavoratori, garantire la stabilità del lavoro, valorizzare il ruolo delle OO.SS delle RSA/RSU e della contrattazione aziendale e legare il rinnovo del premio ad obiettivi ad una approfondita discussione sull’organizzazione del lavoro.

Pertanto, su queste basi, le richieste per il rinnovo del CIA proponiamo che siano così articolate:

Relazioni sindacali nazionali e aziendali.

Al fine di valorizzare e rendere efficace tale strumento per i problemi legati al Mercato del Lavoro e ai processi riorganizzativi dell’Azienda, si chiede di integrare con seguenti temi oggetto di informazione preventiva, con relativo esame congiunto :

a – Le tipologie di assunzioni in riferimento agli strumenti del Mercato del Lavoro previsti

dal CCNL:

b – Eventuale utilizzo di lavori atipici;

Al fine di esaminare i riflessi occupazionali e delle condizioni di lavoro dei lavoratori interessati si chiede il confronto preventivo su :

- processi di internalizzazioni, esternalizzazioni, appalti, franchising.

Relazioni a livello territoriale e RSU

Si chiede di aggiungere tra i temi oggetto di confronto e di contrattazione ai fini di trovare soluzioni concordate, anche il tema di nuove forme di organizzazione del lavoro e relativi progetti formativi.

Appalti

Si chiede di estendere ai lavoratori interessati i diritti fondamentali quali:

- utilizzo mensa, spogliatoi, caffè alle stesse condizioni previste per indipendenti IKEA. Si chiedono altresì le garanzie per il rispetto dei temi della sicurezza ambientale ed il vincolo nel capitolato al rispetto delle condizioni economiche normative previste dal CCNL applicabile.

Part-Time

Vista l’importanza di questo istituto, che nel Gruppo IKEA rappresenta il normale rapporto di lavoro per oltre l’80% delle lavoratrici e dei lavoratori, si chiede che tale percentuale non subisca ulteriori incrementi, si chiede inoltre di migliorarne le condizioni anche in riferimento a quanto previsto dal nuovo CCNL e in modo particolare sui seguenti punti:

- innalzamento dell’attuale base di orario part- time (16 ore) a 20 ore anche in riferimento a nuove forme di organizzazione del lavoro;

- consolidamento delle ore supplementari mediamente effettuate nei due anni precedenti per tutti gli orari di part-time su richiesta dei singoli lavoratori. In tal senso s’intende superare l’attuale limite del 35% ed il riferimento ai part-time di 16 ore .

- introduzione di una verifica annuale con le RSA/RSU, per ipotesi di consolidamenti di carattere collettivo.

Clausole elastiche e flessibilità

- Prevedere una normativa Aziendale che a partire da quanto previsto dal CCNL preveda anche elementi di miglior favore per la specificità dell’ Azienda.

- Regolamentazione dei contratti individuali di aumento di orario individuando alcuni criteri specifici.

Orario di lavoro (domenicale)

Fermo restando la volontarietà come previsto dall’accordo del 31/8/2000, e la validità del sistema di calendarizzazione in esso previsto, si chiede anche per i lavoratori non compresi in tale normativa, di concordare una calendarizzazione annuale per il ricorso al lavoro domenicale che garantisca un numero adeguato di riposi domenicali nell’arco del mese.

Inquadramento

- Si chiede di omogeneizzare tra i negozi le situazioni diversificate di inquadramento a parità di mansioni esistenti.

- Si chiede altresì una verifica dei livelli di inquadramento a fronte dell’evoluzione delle mansioni e delle responsabilità dei lavoratori avvenute nel corso di questi anni.

Ambiente di lavoro

- In riferimento all’accordo raggiunto sul progetto di formazione congiunta, si chiede che tale sperimentazione, trovi riscontro in interventi mirati di risanamento ambientale che possono essere individuati dall’esame congiunto della situazione delle condizioni di lavoro per tutti i negozi IKEA;

- In particolare si chiedono investimenti mirati alla soluzione del problema della movimentazione.

- Si chiede inoltre l’impegno dell’Azienda su utilizzo di impianti alternativi per il rispetto dell’ambiente, laddove se ne possa verificare la fattibilità, cio’ nel pieno dell’assunzione di responsabilità ambientale.

Formazione

Si chiede di concordare il progetto di formazione professionale per i lavoratori del gruppo con i criteri e come previsto dal fondo di settore per la formazione professionale continua (FORTE)

Premio ad obiettivi

Nel riconfermare l’impianto generale così come previsto dall’accordo del 13 agosto 2000, si chiede di migliore i seguenti punti:

1. Spostamento del 50% del premio sui parametri da contrattare a livello di negozio e possibilità di individuarne alcuni specifici anche se non ricompresi in quelli indicati a livello nazionale

2. aggiungere anche il fatturato del Ristorante all’interno del fatturato dei negozi;

3. adeguamento della scala degli obiettivi cui legare il premio in modo da renderlo più raggiungibile prendendo a riferimento una soglia di ingresso inferiore all’attuale 90%

4. erogazione del premio a tutti i lavoratori di qualsiasi tipo di rapporto di lavoro.

5. Rivalutazione dell’entità del premio al 100% degli obiettivi come segue:

Fy 2005 euro 1200

Fy 2006 euro 1300

Fy 2007 euro 1400

Fy 2008 euro 1500

DIRITTI SINDACALI

Si chiede di migliorare l’agibilità dell’attività sindacale delle RSA/RSU, ampliando l’utilizzo di permessi, prevedendo una saletta sindacale dotata di strumenti di comunicazione.

Nuove aperture

Nell’ottica di arrivare ad un trattamento univoco per tutti i lavoratori del gruppo si conferma come già previsto dall’attuale CIA che tutto quanto richiesto dall’attuale piattaforma riguardi tutti i negozi del gruppo IKEA anche di nuova apertura con gradualità da definire a livello locale.

Roma 27 ottobre 2004