Perkin Elmer Italia, circolare Ipotesi primo CIA, avvio consultazione 12/02/2020

Roma, 12 febbraio 2020

In data 12 febbraio 2020, è stata raggiunta l’intesa relativa l’ipotesi di Accordo per il primo Contratto Integrativo Aziendale per i circa 180 dipendenti della multinazionale Perkin Elmer Italia S.p.A., leader mondiale nel settore della vendita ed assistenza della strumentazione che applica il CCNL TDS Confcommercio.

Dopo anni nei quali la contrattazione era sempre stata basata solo ed esclusivamente ad accordi riguardanti il premio di produzione annuale, l’evoluzione delle relazioni industriali, riconoscendo uno degli elementi per il miglioramento del clima aziendale ha aperto alla negoziazione che ha portato alla sottoscrizione di un’ipotesi di un accordo che ha incluso ulteriori elementi.

Come potete verificare dall’ipotesi d’accordo allegata, l’intesa, tra gli altri elementi, introduce:

un sistema di relazioni sindacale strutturato volto a valorizzare il ruolo delle parti;
un nuovo Sistema Premiante che ha tenuto conto delle sollecitazione dei dipendenti nel corso degli anni basato su indicatori collettivi facilmente misurabili;
il riconoscimento del pagamento del 100% del periodo di carenza indipendentemente dal numero degli eventi all’interno dello stesso anno;
una Banca Ore Solidale attivabile non appena si verifica una delle casistiche contenute nel C.I.A. con la compartecipazione dei lavoratori e azienda;
misure di tutele di genere:
l’inserimento, in via sperimentale, dello Smart Working come strumento di conciliazione tempi di vita e di lavoro;
il riconoscimento della quota relativa indennità sostitutiva mensa per i dipendenti della sede quando non è disponibile la struttura di ristoro convenzionata, della nuova figura professionale
“Tech-support” e in occasione delle giornate in cui si svolge la propria attività lavorativa in modalità Smart Working.

Come O.S. esprimiamo una valutazione più che positiva dell’intesa, frutto dell’azione condivisa di tutta la delegazione trattante che ha accompagnato tutto il percorso nel corso di questi anni, con la consapevolezza che bisogna monitorare l’impatto che avrà nella pratica l’accordo, verifiche che periodicamente dovranno essere svolte sia territorialmente che a livello nazionale.

Si invitano le strutture interessate insieme ai delegati sindacali aziendali a svolgere entro e non oltre il 28 febbraio p.v. per l’illustrazione e consultazione di tutti i lavoratori dell’ipotesi d’accordo attraverso le propedeutiche assemblee delle lavoratrici e dei lavoratori, comunicandoci tempestivamente i relativi esiti.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Sandro Pagaria