Per l’Enasarco i Pf sono agenti di commercio

10/12/2001

Il Sole 24 ORE.com


|






    Per l’Enasarco i Pf sono agenti di commercio
    A ribadire l’appartenenza dei promotori finanziari alla grande famiglia degli agenti ci ha pensato di recente una nota dell’Enasarco, la fondazione che gestisce la previdenza integrativa degli agenti di commercio. Nel documento la fondazione riconferma la sua posizione (obbligo dei promotori di essere iscritti alla fondazione e quindi alla contribuzione finalizzata alla pensione integrativa), più volte sottolineata anche dopo che nell’aprile scorso il ministero del Lavoro della passata legislatura aveva espresso parere contrario all’iscrizione dei promotori presso la stessa Enasarco. Il Dicastero aveva sottolineato come da un confronto tra il contratto di agenzia e la normativa di settore si evinceva una chiara differenziazione tra i promotori finanziari e gli agenti di commercio. Una posizione, quest’ultima, vista con favore dell’Anasf, l’Associazione di categoria dei promotori, che al fine di assicurare ai promotori una copertura previdenziale ha proposto il ricorso a due pilastri. Vale a dire, una previdenza obbligatoria di base, individuata dal legislatore nell’Inps, funzionante con il sistema a ripartizione, e una previdenza complementare a capitalizzazione, come è quella caratterizzata dai fondi pensione. Ma nel suo ultimo intervento l’Enasarco ritiene prive di fondamento giuridico le eccezioni sollevate da banche e Sim, in relazione a presunte specificità dell’Albo dei promotori finanziari e dunque la conseguente non assoggettabilità del promotore alla tutela previdenziale integrativa, gestita della stessa fondazione. E a sostegno della sua tesi chiede un esplicito intervento al nuovo ministero del Lavoro con il quale venga precisata l’attuale posizione in materia. Il punto di vista dell’Enasarco viene condiviso da Assoreti. Per l’Associazione delle società che utilizzano nell’offerta fuori sede i promotori finanziari, stante l’attuale sistema normativo e regolamentare e dopo i molti interventi esplicativi forniti dalla stessa fondazione, l’Enasarco resta infatti l’unico riferimento per il versamento dei contributi finalizzati alla pensione dei promotori finanziari.
    Sabato 08 Dicembre 2001
 
|