Per il turismo invernale la montagna perde appeal

19/12/2000

loghino.gif (3272 byte)






Martedì 19 Dicembre 2000
italia – economia
Per il turismo invernale la montagna perde appeal

Dopo il ponte da record per l’Immacolata, per il turismo in montagna si profila un bilancio positivo anche a fine anno: nove albergatori su 10 dichiarano il «tutto esaurito» per Natale e Capodanno, fino al 6 gennaio. Ma, a parte la classica settimana da pienone, gli italiani secondo un’indagine Trademark mostrano disaffezione per la montagna, come fosse una vacanza «minore». Preferiti il mare e le sabbie caraibiche, peraltro meno care. Molto bene invece l’agriturismo. Dopo un anno che ha registrato un aumento di fatturato del 12,5% a 900 miliardi, secondo Terranostra (Coldiretti), le quasi 10mila aziende agricole che hanno offerto servizi agrituristici si preparano alle vacanze di Natale con il tutto esaurito, grazie a quasi 100mila arrivi.