Per Enasarco gara a rischio di ricorsi legali

30/06/2005
    giovedì 30 giugno 2005

    FINANZA E MERCATI – pagina 39

      Per Enasarco gara a rischio di ricorsi legali

        S. FI.

          MILANO • Gli elementi perché possa diventare uno dei temi finanziari più caldi dell’estate ci sono tutti. Un patrimonio immobiliare, quello dell’Enasarco, di grosso prestigio e valore (circa 3,2 3,5 miliardi di euro). Un parterre di pretendenti di prim’ordine (Pirelli Re, Morgan Stanley, Mps e Morley). E l’ombra di Stefano Ricucci.

          Quando l’ente di previdenza degli agenti di commercio decise di ricorre a una procedura d’urgenza per individuare l’advisor per il progetto di gestione del patrimonio immobiliare, si presentarono sei consorzi: Pirelli Re, con Morgan Stanley, Lehman Bros e Mcc; Morley Fund e Risorsa Srl; Generali con Gabetti, Salvatore Ligresti e Bnl; Ixis Aew Italia; Romeo, in tandem con Mps e Vianini; e la cordata Ricucci Bipielle Deutsche Bank. Ma alla presentazione delle offerte ne sono arrivate solo quattro perché le cordate Generali e Ricucci hanno abbandonato il terreno.

          E ora la ventilata possibilità, sebbene non confermata, che l’asta possa essere annullata sta surriscaldando gli animi: tra i concorrenti rimasti in gara c’è chi sta sondando le possibilità legali anche di un eventuale ricorso al Tar nel caso di annullamento. Pur di far valere le proprie ragioni, non è escluso che qualche pretendente possa dare battaglia legale. Al momento sono solo ipotesi perché nessuna decisione formale da parte della Enasarco, è stata presa, anche se da più parti si vocifera di un azzeramento della gara. Il giorno decisivo sarà il 7 luglio: il Cda Enasarco, presieduto da Donato Porreca deciderà il da farsi. Ma nel frattempo spunta anche un’altra strada: lo stesso giorno il board potrebbe anche bandire una seconda asta.

            Chi per ora sta alla finestra è Pirelli Re, assistita dallo studio Gianni, Origoni& Grippo, in attesa di conoscere gli sviluppi degli eventi. Nei giorni scorsi Carlo Puri Negri ha confermato l’interesse verso il pacchetto di immobili, definito « sicuramente interessante, quasi tutto residenziale» . L’ente— ha ricordato l’ad di Pirelli Re— potrebbe anche «annullare la gara con una procedura di autotutela: facciamo fatica a capire perché» . Pirelli Re viene descritta come intenzionata a partecipare a un’eventuale seconda gara. Ma disposta a giocarsi le carte fino in fondo è anche Ixis, che gode della consulenza dello studio McDermott Will Emery& Carnelutti. Si surriscalda il clima in vista del possibile annullamento dell’asta per gli immobili