Per cassieri e direttori vince il gioco di squadra

24/02/2004

            Lavoro & Carriere

            Lunedí 23 Febbraio 2004

            Le competenze


            Per cassieri e direttori vince il gioco di squadra


            Duttilità, creatività, capacità comunicative e correttezza. Sono queste le caratteristiche generali che devono avere i manager della grande distribuzione.
            A fianco di competenze forti di tipo finanziario, informatico o in materia di logistica che metteranno in prima fila laureati in economia, ingegneria gestionale o informatica, si richiederanno ai nuovi direttori di supermercati, centri commerciali e punti vendita alcune prerogative cosiddette "soft". In primis, la capacità di negoziare e gestire i conflitti interni ed esterni alle imprese, poi una buona inventiva di fronte ai cambiamenti e all’innovazione. Non deve mancare anche la capacità di gestire i collaboratori e integrare le risorse, ascoltando le esigenze dei dipendenti. Infine, ai manager è richiesta una forte deontologia, volta al rispetto dell’altro, dei clienti e delle differenti culture.
            Il contesto fortemente evolutivo del settore impone cioè una visione molto ampia su più fronti: sui modelli organizzativi e le nuove tecnologie, ma anche sulle strategie di marketing, la logistica e la qualità dei prodotti. Chi presiede i differenti livelli della filiera deve avere una preparazione in tutti questi ambiti o perlomeno una forte disposizione a lavorare in maniera multidisciplinare e ad apprendere nel tempo e sul campo nuove competenze in diverse aree produttive.
            La carriera interna alle imprese della grande distribuzione si gioca proprio su questa duttilità. Per chi si appresta a fare carriera in maniera tradizionale, per esempio nel settore vendite, si può passare in breve tempo a vice direttore o responsabile punto vendita. Per i migliori il passo successivo è il ruolo di district manager che controlla più punti sul territorio, poi quello di area manager e, infine, di direttore vendite. Questi livelli sono più adatti ai laureati, ma anche chi ha titoli di studio inferiori può fare carriera. Da "generico", tipicamente il commesso di base, può infatti diventare responsabile di reparto o di settore.
            Secondo la Faid-Federdistribuzione, nei prossimi anni i neolaureati troveranno maggiori opportunità nell’area vendite (50%) e acquisti (30%). I diplomati, invece, saranno assorbiti quasi completamente nell’area delle vendite (80%). A tutti indistintamente, dal commesso al direttore, sono richieste le medesime caratteristiche: dinamismo, spirito di squadra e capacità di comunicazione.
            Dal punto di vista occupazionale, invece, l’area che offrirà maggiori opportunità e che già oggi assorbe più risorse è quella commerciale.
            Nei prossimi anni nelle divisioni acquisti e vendite crescerà la domanda di figure come gli allievi direttori, i capi settore, i vice responsabili, gli assistenti commerciali, i controller e i merchandiser.
            Nell’area di back office e amministrazione si affermeranno i responsabili delle risorse umane e gli esperti di Information technology, impiegati nella gestione di piattaforme per la logistica, le vendite via Internet o lo stoccaggio delle merci.