Part Time Verticale Ciclico, l’Inps perde ancora

20/02/2020
Scuole belle, manigestazione ex Lsu e Appalti Storici

Quanti soldi dei cittadini dovranno ancora essere buttati prima che il Governo e l’Inps si decidano a riconoscere un diritto che l’Europa, la corte di giustizia europea e tutti i tribunali italiani hanno sancito?

Il Tribunale di Lecce ha sancito il diritto di una lavoratrice iscritta e assistita dalla Filcams CGIL di Lecce, a vedersi riconosciuta l’anzianità previdenziale per 52 settimane comprensive quindi anche dei periodi di sospensione “involontaria” dal lavoro alle quali è costretta.
Un’altra vittoria delle lavoratrici e dei lavoratori e della Filcams che da anni sostiene questa battaglia!
Nonostante l’ennesima sconfitta, l’Inps e il Governo continuano a non dare seguito e rispettare gli impegni dichiarati a CGIL, CISL e UIL per trovare la soluzione che realizzi quello che i pronunciamenti dei tribunali sanciscono.

Part time Verticale Ciclico

Il mancato adeguamento delle normative italiane alle direttive europee provoca danni alle lavoratrici e lavoratori che si trovano nella condizione paradossale di dover lavorare 50 anni per maturarne 40 di anzianità pensionistica e uno spreco di denaro pubblico per il pagamento delle spese processuali delle cause che puntualmente l’Inps ha perso, sta perdendo e perderà.
Per queste ragioni è necessario che il Governo e l’Inps intervengano per sanare e sancire un diritto di tante lavoratrici e lavoratori. Non c’è più tempo da perdere!

NON CI FERMEREMO
Se non ci saranno gli interventi che richiediamo da troppo tempo, la Filcams continuerà a mettere in campo le iniziative di denuncia e contrasto e ad intensificare le cause per vedere riconosciuto ad ogni lavoratrice e lavoratore il diritto dovuto!

Scarica il volantino