PARMATOUR: INCONTRO CON MINISTERO E AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA

19/03/2004

FILCAMS-Cgil
Federazione lavoratori commercio turismo servizi

Ufficio Stampa
www.filcams.cgil.it

19 marzo 2004

PARMATOUR: INCONTRO CON MINISTERO E AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA

Un incontro tra le rappresentanze aziendali Parmatour, le segreterie Cgil Cisl Uil e Filcams Fisascat Uiltucs, è avvenuto presso il ministero delle Attività produttive con i rappresentanti dell’amministrazione straordinaria del gruppo Parmatour e i rappresentanti del ministro Marzano.

L’incontro era da tempo sollecitato dai sindacati che in più occasioni si erano detti preoccupati poiché i rapporti non continuativi e non programmati con l’amministrazione straordinaria non avrebbero messo in grado di gestire con efficacia situazioni d’emergenza e comunque un’attività, come quella di Parmatour, caratterizzata da dinamiche, tempi e modalità esecutive molto diverse dalle azioni necessarie alla gestione di aziende come Parmalat.

Al rappresentante dell’amministrazione di Parmatour e al rappresentante del ministro, i sindacati hanno espresso «le preoccupazioni relative alla necessità di provvedimenti urgenti, perché – hanno ribadito – in questo settore la lentezza nelle decisioni può portare al progressivo indebolimento dei marchi, della visibilità e dell’ affidabilità aziendale».

«Queste sono le ragioni – hanno detto i sindacati – che suggeriscono un rapporto costante di comunicazione con l’azienda e con il ministero».

I rappresentanti di Parmatour e del ministero hanno confermato che Parmatour continuerà a essere gestita direttamente in amministrazione straordinaria e che i diversi asset aziendali saranno mantenuti.

L’amministrazione – hanno detto – è al lavoro per programmare la stagione estiva; non vi sono problemi nei flussi di cassa; si sta predisponendo il nuovo piano industriale.

I rappresentanti di Parmatour e del ministero si sono detti d’accordo nel migliorare la comunicazione con il sindacato. A questo fine, il ministero coordinerà il tavolo di confronto, che è aperto e che sarà convocato per fare fronte a ogni emergenza.

Il prossimo appuntamento è per giovedì 1° aprile. Si valuteranno le risultanze del primo trimestre e lo stato d’avanzamento del piano industriale.