Parigi. Il colosso degli ipermercati, rovinato dalla sua offerta

03/12/2001



Lunedi, 03 Dicembre 2001    



Il colosso degli ipermercati, rovinato dalla sua offerta

Il francese Carrefour ha lanciato una campagna natalizia: "Se trovate un giocattolo meno caro vi rimborsiamo 10 volte la differenza". Ma i clienti hanno trovato un trucchetto per truffare l’ipermercato.



PARIGI – Come truffare un grande ipermercato, e portarsi a casa un bel giocattolo per Natale.
E’ quello che sta accadendo in Francia negli ultimi giorni, a risposta della campagna pubblicitaria di Carrefour, leader francese degli ipermercati, che ha lanciato una sfida per il Natale: ”Se trovate un giocattolo meno caro vi rimborsiamo 10 volte la differenza”.
I clienti non se lo sono fatto ripetere due volte e hanno trovato un grazioso trucchetto per spillare franchi al colosso degli ipermercati.
Ora le casse di Carrefour sono travolte da richieste di denaro.

L’escamotage è semplice: i clienti vanno in un altro negozio o in un altro supermercato, dove si fanno rilasciare una fattura ”pro-forma” di un giocattolo in vendita da Carrefour, per un prezzo inferiore. Tornano dall’incauto ipermercato e ”battono cassa”, chiedendo il dovuto: 10 volte tanto.

”In uno dei nostri grandi magazzini parigini – conferma a Le Monde il presidente di una ditta concorrente – circa 600 clienti sono venuti a farsi fare fatture pro-forma. E noi le abbiamo rilasciate”.
La mega-offerta natalizia di Carrefour prevede il rimborso di ”10 volte la differenza” anche se il giocattolo non viene acquistato. Alcune sedi di Carrefour hanno pensato poi bene di allargare l’offerta ad altri settori. Quindi, fatture alla mano, i clienti più smaliziati hanno portato a casa cifre fra i 1.000 e i 3.000 franchi (300-900.000 lire). ”Il record – ammette un impiegato di Carrefour – è stato un rimborso di 10.000 franchi (tre milioni) nel reparto informatica”.

I vertici di Carrefour sono furiosi: convocata una riunione d’emergenza per far fronte alla voragine dei rimborsi. Due le direttive per la difesa: azione sui fornitori perché non avvantaggino la concorrenza con prezzi inferiori a quelli praticati all’ingrosso a Carrefour e modifica dell’offerta. Insomma, addio al rimborso in contanti, da oggi in poi sarà in buoni di acquisto nello stesso Carrefour.

(1 DICEMBRE 2001, ORE 17,10)