Panmedia, esito incontro 15/02/2011

Roma, 16 febbraio 2011

TESTO UNITARIO

Si è tenuto ieri, 15 febbraio, il programmato incontro presso il Ministero dello Sviluppo Economico, di cui all’oggetto. Nel tardo pomeriggio del 14 febbraio, Panmedia ha inviato una nota alle OO.SS ed al Ministero, con cui comunicava l’impossibilità di essere presente per motivi di salute del Dott. Gallo. Sia da parte nostra che da parte del Ministero, è stata inviata tempestivamente una nota con cui si chiedeva di delegare altra persona, in quanto la gravità della situazione ed il ritardo della comunicazione, non consentivano alcun rinvio.

A fronte della ferma condanna da parte nostra di tale atteggiamento, Panmedia ha inviato ieri, in tarda mattinata, una nuova comunicazione con cui si rende disponibile ad intraprendere il percorso della amministrazione straordinaria, se vi sono le condizioni legali.
Il Ministero ci ha ricevuti con una delegazione di RSA. Abbiamo illustrato dettagliatamente tutta la situazione, ed in conclusione si è deciso di mettere in campo, ognuno per le sue competenze, tutte le azioni che conducano rapidamente ad intraprendere il miglior percorso possibile a tutela del posto di lavoro e delle retribuzioni delle lavoratrici e dei lavoratori. Va sottolineato però, che la situazione è estremamente complessa, dato che Panmedia ha in affitto i rami di azienda di HdA, già dichiarata fallita, e di B&S per cui si attende la decisione del Giudice in merito all’ammissione al concordato preventivo o al fallimento. Inoltre, va rapidamente chiarita la situazione relativa a M1. M2 ed M5 che, pur non avendo presentato alcuna istanza, sono partecipate al 100& da HdA.

Il Ministero farà tutte le verifiche necessarie per l’accesso alla Amministrazione Straordinaria, coinvolgendo anche il curatore fallimentare di Holding dell’Arredo e prendendo rapidamente contatto con Panmedia per concordare un nuovo incontro in tempi brevi. Le nostre strutture regionali e/o territoriali, si dovranno attivare con le amministrazioni regionali e/o provinciali/comunali, per coinvolgerle nel percorso.

I punti vendita sono già tutti chiusi, fino al 21 febbraio, su disposizione aziendale. Come OO.SS riteniamo non ci siano le condizioni per operare in una situazione di normalità rendendo pertanto impraticabile la loro riapertura. Pertanto, oggi stesso, invieremo una richiesta ufficiale a Panmedia in tal senso. Qualora non si rendesse disponibile individueremo la soluzione più opportuna a tutela dei lavoratori.

Vi alleghiamo la lettera che la Soc. Panmedia ha inviato il giorno 15 febbraio u.s. al Ministero dello Sviluppo Economico

p/FILCAMS Cgil Nazionale
Sabina Bigazzi