Supermercati Pam, esito incontro 30/06/2008

Roma 1 luglio 2008

Testo Unitario

Ieri si è tenuto l’incontro con PAM in merito alla procedura di mobilità che ha prodotto vari accordi, che alleghiamo. Il confronto sviluppatosi nel coordinamento nazionale unitario e poi con l’azienda ha posto in evidenza le difficoltà relative alle relazioni sindacali, sull’organizzazione del lavoro, che in alcuni casi sono sfociati in ordini di servizio per mancanza di volontà da parte dell’azienda di addivenire ad accordi e la necessità quindi che riprenda un dialogo costruttivo che consenta alle strutture territoriali di giungere ad intese. La discussione su questo aspetto ha prodotto un accordo che integra l’attuale contratto integrativo aziendale. L’accordo è stato sottoposto al voto del coordinamento nazionale che l’ha approvato a larghissima maggioranza.

L’intesa si compone di vari verbali: procedura di mobilità, incentivi all’esodo, relazioni sindacali e proroga del contratto integrativo aziendale, acconto 250 euro – salario variabile e organici/occupazione.

1) Procedura di Mobilità: premesso che il numero degli esuberi è stato ridotto, da 90 fte a 80,7 fte, l’accordo è di fatto una cornice, ovvero stabilisce varie possibilità d’intervento al fine di ridurre anche il numero degli esuberi. Il quadro deve poi essere riempito da accordi in sede di filiale o a livello territoriale. Gli strumenti per intervenire sono:

    mobilità volontaria con incentivi, la procedura si esaurirà entro il 30ottobre p.v.;
    trasformazioni consensuali del rapporto di lavoro da full time a part-time;
    passaggio consensuali ad altre società del gruppo;
    Utilizzo della CIGS limitatamente a 2 filiali: Lucca Einaudi e Arezzo Tortaia. E’ previsto l’anticipo della CIGS da parte dell’azienda e la rotazione con cadenza trimestrale tra i lavoratori;
    Contratti di solidarietà verifica della possibilità di utilizzo per le unità produttive di Scurcola Marsicana e Arezzo.;
    Trasferimenti: potranno avvenire solo se consensuali, fermo restando i seguenti criteri: minor distanza tra abitazione e nuova sede di lavoro, minore anzianità di servizio, minori carichi familiari, esigenze tecnico organizzative. A livello territoriale le parti si incontreranno per valutare eventuali problemi qualora la consensualità non fosse sufficiente e per concordare gli ambiti omogenei territoriali entro i quali potranno avvenire i trasferimenti, salvo quelli già identificati dall’accordo;
    Trasferte temporanee potranno essere attivate per un massimo di dodici mesi a rotazione all’interno di altre unità produttive negli ambiti identificati dall’accordo.. Ai lavoratori sarà riconosciuto, in caso di trasferta temporanea, il rimborso delle spese ferroviarie e-o autoferrotranviarie. Per la realtà di Firenze, le parti si incontreranno a livello territoriale per definire le soluzioni del rimborso da applicare.
    Organizzazione del lavoro – domeniche è previsto che la gestione degli orari di lavoro, l’organizzazione del lavoro, gli ambiti omogenei relativi ai trasferimenti, dovranno essere discussi in appositi incontri, finalizzati alle intese. In merito alle aperture domenicali l’accordo prevede che l’azienda darà la priorità ai lavoratori occupati attraverso ore di straordinario con o senza recupero, incremento delle ore settimanali ai part-time, fermo restando le maggiorazioni previste dal CIA. Qualora le disponibilità volontarie fossero insufficienti , si svilupperà un confronto tra le parti e l’azienda potrà fare ricorso al lavoro somministrato e-o contratti a tempo determinato.
    Sono infine previsti incontri in sede territoriale e a livello nazionale entro ottobre 2008.

    2) Incentivi all’esodo, sono previste tre fasce:

    QuotaUscita dall’azienda entro il
    19.000 euro lordi31 luglio 2008
    18.000 “ “ 31 agosto 2008
    16.500 “ “ dal 1° settembre 2008

    3) Verbale di accordo collettivo che integra il CIA e che prevede per tutte le filiali, anche in quelle ove non sono previsti esuberi il rafforzamento del sistema di relazioni sindacali. E’ previsto che sia consegnata alle rsu/rsa una scheda con periodicità semestrale che dovrà contenere: organici e loro composizione (part-time, full-time, ore supplementari, straordinari, merchandiser, dipendenti da aziende terze con particolare riferimento alle pulizie e vigilanza); informazioni sul budget, andamento delle vendite generali;
    - organizzazione del lavoro, a richiesta di una delle parti potranno essere attivati confronti finalizzati ad intese anche con l’obiettivo di superare gli ordini di servizio, da effettuarsi entro ottobre 2008. Le intese dovranno perseguire le seguenti linee guida definite nell’accordo.
    - la proroga del contratto integrativo aziendale al 31.3.2009.

    4) Salario variabile relativo all’esercizio 2007: il confronto in sede di commissione tecnica, come sapete non ha prodotto risultati. Le OO.SS. hanno preso atto dei nuovi parametri/obiettivi applicati dall’azienda. Dai risultati che trovate in allegato, saranno detratti i 250 euro dell’acconto di cui agli accordi precedenti. Qualora non vi fosse la necessaria capienza, l’importo sarà assorbito da future erogazioni. Le parti si incontreranno entro ottobre per definire i nuovi parametri/obiettivi. Analogo meccanismo di trattenuta sarà operata per i dipendenti della GRUPPO PAM.

    5) Organici/occupazione: l’accordo prevede che a livello territoriale e/o di filiale le parti si incontreranno qualora vi fosse la necessità di incrementare gli organici a seguito della procedura di mobilità volontaria rispetto al numero degli esuberi concordati negli incontri territoriali o di singola filiale.

    E’ necessario che nelle prossime settimane, sulla base dei demandi previsti dall’accordo ministeriale, si concordino con l’azienda le date per iniziare gli incontri. La possibilità di incontri vi è anche per le filiali non interessate alla procedura qualora si presentino problematiche relative all’organizzazione del lavoro, ecc.

    p. FILCAMS-CGIL
    Marinella Meschieri

    All. 6
    Gruppo PAM Cia
    PAM 250 euro
    PAM Accordo Cia
    PAM Accordo incentivi
    PAM AccordoMobilità
    PAM Accordo occupazione