Palermo. Billè vuole la proroga

20/06/2002


GiGiovedì 20ovedì 20Giov


Giovedì 20 giugno 2002
              LA MORATORIA SULLA GRANDE DISTRIBUZIONE

              Billè vuole la proroga

              PALERMO – L’ assessore regionale al commercio Michele Cimino (Fi) ed il presidente di Confcommercio Sergio Billè hanno esaminato i problemi del commercio siciliano in base a indicatori di stagnazione dei consumi e dei flussi turistici, difficoltà, per altro connesse con la situazione dei trasporti e della carenza delle infrastrutture. A Cimino è stato ribadito che da tali elementi dipende lo stato di salute di un gran numero di imprese, appartenenti sia al comparto dell’ industria sia a quello del commercio, turismo, servizi. Billè si è soffermato in particolare sul terziario, che svolge nell’ isola e nel Palermitano il ruolo di principale produttore di reddito e necessita quindi di un’ attenzione maggiore. Concordato un tavolo di confronto per valutare lo stato di attuazione della legge (28/99) di riforma del commercio siciliano dopo un biennio dalla sua entrata in regime, specie per quanto riguarda l’ equilibrio tra la grande distribuzione e quella tradizionale di vicinato. Confcommercio ha chiesto ufficialmente la proroga della moratoria per le nuove aperture delle grande distribuzione, per evitare che alcuni fattori negativi assumano connotazioni tali da stravolgere i delicati meccanismi distributivi siciliani. Cimino, nel ribadire l’ attenzione del governo regionale, ha invitato Billè a vagliare le possibili azioni sinergiche Regione-Confcommercio, per dare un impulso alle attività dell’ Ente fiera di Messina e scongiurare l’ ipotesi di chiusura dell’ economia messinese.