Padova. Assemblea permanente all’Hotel Michelangelo

08/05/2007
    martedì 8 maggio 2007

    Pagina 30 – Provincia

      MONTEORTONE.
      Hotel Michelangelo chiuso per una ristrutturazione «fantasma»

        Personale in assemblea permanente

          Irene Zaino

          TEOLO. – Sono rimasti a presidiare l’albergo, i 40 dipendenti dell’Hotel Michelangelo di Monteortone che da domenica ha chiuso i battenti causa urgenti lavori di ristrutturazione di cui però non c’è traccia.

            Per il momento, dalla società di gestione (la Mg Sas) è arrivato infatti il «permesso» a mantenere l’assemblea permanente. Una piccola manna anche per qualche lavoratore che, fra le altre cose, alloggiava direttamente nella struttura. Con il rischio quindi di ritrovarsi senza stipendio (da mesi il personale non veniva pagato per intero), indennità e pure senza «un tetto».

            Le organizzazioni sindacali di Fisascat Cisl, Uiltucs Uil e Filcams Cgil hanno quindi fatto sapere che il presidio rimarrà «fintanto che non ci saranno garanzie chiare sulla riapertura dello stabilimento, sugli stipendi arretrati dei lavoratori e sui lavori di ristrutturazione».

            Intanto si sarebbe fatta viva con i rappresentanti sindacali anche la famiglia Giuliani che detiene la proprietà dell’immobile. I titolari avrebbero preso le distanze dalla società di gestione che risulta a nome di Massimo, Cosimo e Gianpiero Di Maglie i quali non verserebbero l’affitto già da due anni. In ogni caso i proprietari dell’hotel avrebbero anche confermato la volontà e la necessità di mettere a norma la struttura.