Padova. All’Ikea si lavorerà fino alle due di notte

21/10/2005
    venerdì 21 ottobre 2005

    Pagina 26 – Cronaca

      L’azienda incontra i sindacati i primi di novembre: la richiesta del colosso svedese dovrebbe essere accettata

        All’Ikea si lavorerà fino alle due di notte

        Riaperte anche le assunzioni senza nessun limite di età

          Padova - Le vendite dell’Ikea vanno a gonfie vele. Quindi bisogna lavorare di più. Così il direttore del colosso del mobile situato a Padova Est ha chiesto al sindacato di categoria la possibilità di posticipare la chiusura dei turni di lavoro serale da mezzanotte alle due di mattina. Uno «sforamento» dell’attuale tabella di marcia che investirà una cinquantina di lavoratori.

            La direzione ha convocato i tre sindacalisti del terziario, Ivana Veronese (Uiltucs-Uil), Ferruccio Fiorot (Fisascat-Cisl) ed Andrea Donegà (Filcams-Ccgil) per un incontro, che dovrebbe tenersi i primi giorni di novembre. Sarà in quest’occasione che il sindacato dovrà esprimere il proprio consenso (o dissenso) alla richiesta dell’Ikea.

            «Posso anticipare che in linea di massima diremo di sì – sottolinea Ferruccio Fiorot -. D’altronde già ora alcuni dipendenti lavorano fino alle due di notte e vengono retribuiti con il sistema dello straordinario. Si tratterà solo di andare a regolarizzare e programmare meglio, anche dal punto di vista sindacale, una situazione che oggi è già in essere. Anzi lavorare, per alcuni, due ore in più al giorno – conclude il sindacalista – potrebbe significare prendere di più ed allungare numerosi contratti a part-time, visto che per un lavoratore, occupato, ad esempio, 24 ore alla settimana, vivere con dignità con soli 600 euro è veramente molto difficile».

            I dipendenti attuali sono 467. Di questi gran parte sono donne. I contratti part-time, da 20 a 24 ore settimanali, sono circa il 70 per cento dei contratti globali. Tutti i lavoratori sono stati assunti già prima dell’apertura ed hanno effettuato un lungo e meticoloso corso di formazione professionale. Fin dal giorno dell’inaugurazione (a base di aringhe affumicate, caffè americano e vodka finlandese e con Pieruz che ha segato un tronco d’albero assieme ad un dirigente dell’Ikea) gli amministratori non hanno escluso di assumere altri dipendenti.

            Non a caso hanno comunicato agli attuali disoccupati la possibilità di presentare altre domande di assunzione. Con un particolare non di poco conto: per essere assunti all’Ikea non c’è limite d’età.

              (Felice Paduano)