Ottanta SpA – Volantino 12 giugno 2007

ANCORA UNA VOLTA I LAVORATORI DELLA GIACOMELLI SPORT
DEVONO SCIOPERARE PER DIFENDERE IL LORO POSTO DI LAVORO

Dopo la tristemente nota vicenda, con l’acquisizione della Giacomelli Sport da parte della OTTANTA S.p.A. e il successivo passaggio alla CHAMPION EUROPE, pensavamo che i problemi dei lavoratori occupati fossero risolti.
Ma ancora una volta l’Azienda sta tagliando i posti di lavoro a rischio. Infatti la nuova proprietà di OTTANTA S.p.A. sta ristrutturando l’Azienda in modo selvaggio e unilaterale:

-chiusure di punti vendita senza alcun preavviso;

-trasferimenti dei lavoratori da Perugia a Napoli, da Trieste, ad Avellino, da Venezia ad Avellino e viceversa senza alcun criterio oggettivo e senza considerare le disponibilità delle persone;

Tutto questo per risparmiare i tre mesi di contributi che l’Azienda dovrebbe versare e aprire una procedura di mobilità. Cosi i lavoratori sono costretti a dimettersi, senza alcuna tutela e senza alcun ammortizzatore sociale.

Ancora: il Direttore di un negozio ha aggredito un lavoratore con tale violenza che è stato necessario trasportarlo in ospedale con l’autoambulanza, dove ha avuto una prognosi di 40 giorni. Alle richieste di chiarimenti, l’Azienda non solo non ha dato risposta ma non ha nemmeno provveduto a sospendere il Direttore.

In occasione di un inutile incontro l’Azienda, che ha confermato che continuerà a procedere con le stesse modalità anche per le prossime chiusure, e che non è disponibile ad avviare con le OO.SS. un confronto per discutere della situazione occupazionale e per individuare soluzioni non traumatiche per i lavoratori e le lavoratrici.

LE OO.SS PROCLAMANO LO STATO DI AGITAZIONE, CON LE SEGUENTI MODALITA’:

BLOCCO DEI SUPPLEMENTARI E DEGLI STRAORDINARI

POSSIBILI RITARDI NELL’APERTURA ED ANTICIPI NELLA CHIUSURA DEI NEGOZI

UN PACCHETTO DI 16 ORE DI SCIOPERO:

LE PRIME 8 IL GIORNO VENERDI’ 15 giugno ’07.