“Orario” Siamo primi in classifica

23/12/2005
      22 dicembre 2005 – Anno XLIII – N.51

    Pagina 46 – Storia di copertina

    ORARIO LAVORATIVO
    dietro la proposta di accorciare il weekend


    SIAMO PRIMI IN CLASSIFICA

      L’Italia batte tutti nella Ue, ultima la Repubblica Ceca

        Lavorare anche di sabato? In media, almeno il 23 per cento degli europei lo fa già abitualmente. E il numero sale se si mettono nel conto anche quanti ricorrono a questa opzione solo di tanto in tanto.

          Secondo i dati rilevati quest’anno dall’Eurostat, l’ufficio statistico Ue, il record dei lavoratori nel finesettimana tra i 25 paesi spetta proprio all’Italia: nella giornata di sabato è regolarmente al posto di lavoro il 39,7 per cento degli occupati (un altro 9,6 per cento lavora occasionalmente). Seguono altri due paesi mediterranei, Grecia e Malta, e l’Austria (tutti con percentuali superiori al 32 per cento).

          All’estremo opposto, la Repubblica Ceca: là appena l’11 per cento va a lavorare di sabato. Per la Francia, paese delle 35 ore settimanali, la quota supera il 30 per cento, mentre in Germania l’ultimo dato disponibile, pari al 20 per cento, risale al 2002.

            Stando all’analisi Eurostat, la percentuale di quanti lavorano nel weekend è cresciuta sensibilmente nel corso degli anni Novanta.

              Ma la tendenza non è omogenea: in Danimarca e Finlandia, per esempio, la proporzione è diminuita rispetto al passato, pur rimanendo relativamente alta.

              Lo stesso è avvenuto in Spagna: dal 2002 a oggi la percentuale è scesa da circa il 30 per cento ad appena il 14,5.

            Anna Maria Angelone