OPEN EWC, Il progetto europeo per misurare la trasparenza delle Multinazionali

13/04/2016

Si è svolto a Roma l’incontro degli esperti del progetto europeo OPEN EWC di cui la Filcams Cgil Nazionale è promotrice, in cooperazione con le Federazioni sindacali europee Effat e UNI-Europa, Federazioni sindacali di Francia, Italia, Bulgaria; tre Istituti di ricerca (italiano IRES CGIL Emilia Romagna, ungherese Szgti e bulgaro Istur Citub); diversi Comitati Aziendali Europei (es. Adecco, Club Med, Autogrill, Unicredit).

Filcams Nazionale, Filcams Piemonte, Openpolis (associazione no-profit per la trasparenza), e i differenti esperti sui temi dell’ambiente (WWF RP), accessibilità per tutti (TATA with Care), diversità (avv. Ornella La Tegola), questioni sindacali e aspetti giuridici (avv. Giorgio Verrecchia) si sono incontrati per definire l’indagine web e il questionario rivolto a CAE e uffici risorse Umane di almeno 100 multinazionali sui temi RSI e dialogo sociale, trasparenza finanziaria, diversity, accessibilità per tutti, ambiente, bilancio sociale CAE e Impresa.

“Parte da lontano l’obiettivo della Filcams di esercitare e far crescere una pressione pubblica sul profilo reputazionale delle multinazionali e far leva su questo per creare meccanismi emulativi che conducano le grandi aziende internazionali ad approntare azioni e strumenti concreti per migliorare le condizioni di lavoro, nonché la sostenibilità sociale ed ambientale delle loro filiere di produzione e distribuzione dei beni”, afferma Gabriele Guglielmi, coordinatore Politiche Globali Filcams Cgil Nazionale.

Aggiunge Vittorio Alvino, Presidente di Openpolis, “Il comportamento delle multinazionali nei confronti dei propri lavoratori e verso le comunità con cui interagiscono è un elemento centrale per il sindacato, che si trova a proporre nuove risposte di fronte alle profonde modifiche che investono il mondo della produzione nella attuale fase di globalizzazione dei mercati, in cui con maggiore intensità sono presenti fenomeni della destrutturazione dell’attività produttiva e della delocalizzazione delle imprese”.

I prossimi appuntamenti del progetto il 3-4 maggio alla Conferenza CAE di Uni-Europa e il 30-31 Maggio alla Conferenza EWC di Effat, in cui il questionario sarà finalmente testato tramite la somministrazione ai Cae presenti. Ci attende poi il Comitato di Pilotaggio del 28 giugno 2016 a Sofia, in cui tutti i partner ed esperti del progetto si incontreranno al fine di condividere le prime bozze dei vademecum sui temi sopra elencati e definire multinazionali, gruppi target e modalità di somministrazione del questionario su tutti i Paesi coinvolti nel progetto.