Ocse: «In Italia troppa disparità salariale»

20/09/2004


            lunedì 20 settembre 2004

            Pagina 26 – Economia 

            OCSE
            «In Italia troppa disparità salariale»

            ROMA – In Italia sono state riscontrate le maggiori disparità salariali tra i paesi che fanno parte del G7, il gruppo che rappresenta le sette economie più forti del mondo.
            La notizia arriva dal quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung, che ha analizzato i dati emersi da uno studio dell´Ocse.

            Ponendo a confronto gli stipendi dei singoli paesi a metà degli anni Ottanta con quelli di dieci anni dopo, è emerso che la forbice più ampia si è registrata in Italia. Assumendo un ipotetico indice zero come equivalente alla massima uguaglianza salariale possibile, e un coefficiente pari a 100 quale corrispondente al massimo della diseguaglianza, negli anni ?90 il nostro paese ha fatto registrare un indice di 34,5, precedendo di un soffio gli Stati Uniti (34,4%). A metà degli anni ?80, invece, erano in testa gli Stati Uniti con 34, seguiti dall´Italia con 30,6 e dalla Gran Bretagna (29,4).

            «L´Italia è l´esempio più evidente e più sorprendente delle disparità», scrive l´autore dell´articolo, che spiega: «La considerevole crescita della diseguaglianza economica italiana si fonda sul grande successo economico del Nord, mentre è il Mezzogiorno che ristagna».