Obiettivo Lavoro, esito incontro 18/06/2010

Roma, 21 giugno 2010

    Oggetto:Obiettivo Lavoro Spa–Esito Incontro di Verifica del 18 giugno 2010.

    Testo Unitario

    Il 18 giugno 2010 si è tenuto il previsto incontro con la direzione di Obiettivo Lavoro per la verifica dei criteri di applicazione del Contratto di Solidaretà difensiva. L’azienda ha presentato l’andamento economico al 31 maggio di OL OLF e Intempo, che registra timidi segnali di ripresa non ancora però sufficienti a determinare un reale cambio di tendenza del mercato tale da rassicurare sull’andamento complessivo del settore Sono stati poi illustrati i criteri di applicazione della riduzione oraria suddivisi fra Rete Commerciale e Rete Operativa.
    La determinazione delle differenti percentuali di riduzione oraria individuale è stata costruita sui carichi di lavoro stimati e sulle potenzialità di espansione riferita ai mercati di riferimento. La media complessiva di riduzione si è mantenuta inferiore al 30%, con un significativo numero di addetti a cui è stato temporaneamente ripristinato l’orario di lavoro per far fronte a picchi di lavoro. A tale riguardo l’azienda ha illustrato quali sono i parametri adottati per stabilire la percentuale di riduzione dell’orario di lavoro mese su mese. Tali parametri (suddivisi per "operation" e "advisor") sono in allegato a questa circolare.
    L’azienda ha poi annunciato la volontà di procedere ad un’operazione di cessione di ramo di azienda riguardante il settore paghe di Obiettivo Lavoro che dovrebbe essere trasferito in una delle nuove aziende recentemente acquisite.
    Come OOSS abbiamo accolto positivamente la definizione di criteri di applicazione su parametri oggettivi sottolineando però come in alcune aree persista fra gli addetti la netta sensazione che essi vengano applicati “ad personam”. Abbiamo pertanto invitato la direzione a fare le opportune verifiche, sottolineando come la non corretta comunicazione possa essere foriera di effetti negativi in un contesto delicato come quello attuale.
    Abbiamo infine chiesto delucidazioni in merito alla “Campagna a Premi” volta a premiare i 30 migliori advisors che al 2 luglio 2010 avranno contribuito maggiormente al conseguimento di obbiettivi di crescita commerciale dell’azienda.
    Obiettivo Lavoro ha affermato che si tratta di una campagna commerciale interna, svincolata pertanto da qualsiasi legame riconducibile alla contrattazione collettiva
    Abbiamo ricordato all’azienda come esista uno strumento incentivante che è rappresentato dal premio di risultato derivante dalla contrattazione di secondo livello, e denunciato nel contempo il rischio che un premio elargito a pochi addetti possa comportare nella restante parte della popolazione aziendale un effetto non certo positivo, a partire dalle realtà di Intempo e OLF non coinvolte dalla campagna.
    Pur comprendendo la nostra posizione, Obiettivo Lavoro si è dichiarata impossibilitata, tenuto conto anche dell’ormai imminente termine di questa campagna commerciale, ad apportarvi modifiche, garantendo però per il futuro maggior trasparenza nell’informazione preventiva.
    Abbiamo infine richiesto, visto anche l’annuncio del trasferimento d’azienda riguardante il comparto paghe, che venga presentato nel prossimo incontro (previsto per la seconda metà di settembre) il piano industriale complessivo.
    Nel frattempo, laddove necessario, dovranno tenersi gli incontri territoriali, che abbiamo condiviso essere la sede migliore per dirimere le criticità locali presenti e future.

    p. La Filcams CGIL Nazionale
    (Cristian Sesena)