Obiettivo Lavoro, Intempo, Obiettivo Lavoro Formazione, esito incontro 10/12/2010

Testo Unitario

In data 10 dicembre 2010 si è svolto l’incontro con Obiettivo Lavoro. L’azienda ha illustrato i dati a consuntivo evidenziando come l’anno si chiuda con un utile non particolarmente significativo rispetto al 2009 e in perdita (-20%) rispetto alla media del mercato di riferimento. Le ragioni sono da imputare ai risultati negativi dei settori edilizia e sanità pubblica (da sempre di rilevante importanza per l’azienda); importanti incrementi si sono invece avuti nel settore delle politiche attive e da Obiettivo Lavoro Formazione. L’organico è rimasto stabile con 686 dipendenti in OL SpA, 31 in OLF Srl, e 35 in Intempo SpA 35.
Per il 2011 ill gruppo OL intende recuperare quote di di mercato, prevedendo un progressivo ridimensionamento della propria presenza nelle PAL a favore del “privato” e di nuove linee di business, tra cui spicca quella rivolta alle famiglie. Questo progetto ( OL Family) avrà filiali ad hoc nelle grandi città e si propone di esplorare un mercato potenzialmente interessante come quello dell’incontro domanda offerta di lavoro nel settore dell’assistenza domiciliare e della collaborazione domestica. A questo si aggiunge l’implementazione di un servizio verso i candidati e verso i clienti sempre più informatizzato ( OL Web) che si andrà ad affiancare ed integrare alle tradizionali attività commerciale e di front office. Proseguirà infine la politica di offerta di servizi integrati alle imprese, dalla formazione alla compilazione delle buste paga.
Obiettivo Lavoro ha comunicato che anticiperà il ripristino dell’orario normale di lavoro al 1 gennaio 2011, chiudendo in anticipo di circa 4 mesi l’esperienza della solidarietà.
Sempre nei primi mesi del 2011 sono previste 34 nuove assunzioni per potenziare la rete commerciale, e l’apertura entro la fine del prossimo anno di 15 nuove filiali prevalentemente al nord ( Lombardia, Piemonte, Veneto e Emilia Romagna).
Come OO.SS. abbiamo accolto positivamente la chiusura anticipata della solidarietà, dichiarando all’azienda che i temi della classificazione e del corretto inquadramento del personale e l’individuazione di un sistema premiante rivolto a tutte le lavoratrici e i lavoratori, saranno le nostre priorità per il 2011 attivando un confronto costruttivo fra le parti.

In coerenza con questi presupposti, abbiamo annunciato la presentazione della piattaforma per il rinnovo del contratto integrativo aziendale entro i primi mesi del 2011.
In allegato alla presente vi inviamo il comunicato unitario e la comunicazione aziendale della chiusura anticipata delle proroghe del Contratto di Solidarietà riguardanti le Società del Gruppo Obiettivo Lavoro.
Informiamo inoltre che il coordinamento nazionale unitario si terrà il 17 gennaio 2010 alle ore 11.00 presso la Camera del Lavoro di Bologna (Sala Celeste) Via Marconi 67.

p. La Filcams CGIL Nazionale
Cristian Sesena

    Comunicato Sindacale
    Alle Lavoratrici e ai Lavoratori Obiettivo Lavoro, Obiettivo Lavoro Formazione, Intempo.

    In data 10 dicembre 2010 si è svolto l’incontro con la direzione aziendale di Obiettivo Lavoro per un bilancio complessivo dell’anno 2010. Il presidente Alessandro Ramazza ha illustrato i dati a consuntivo evidenziando come l’anno si chiuda con un utile non particolarmente significativo rispetto al 2009 e in perdita (-20%) rispetto alla media del mercato di riferimento. Le ragioni sono da ricercare, per quanto concerne l’attività di somministrazione classica, nelle performances negative registrate nei settori edilizia e sanità pubblica (da sempre di rilevante importanza per l’azienda); importanti incrementi si sono registrati, al contrario, nel settore delle politiche attive per il lavoro e grazie all’attività di Obiettivo Lavoro Formazione, notevolmente accresciuta. L’organico è rimasto stabile se si eccettua il fisiologico turn over in gran parte non sostituito: a fine ottobre di quest’anno i dipendenti di OL SpA erano 686, quelli di OLF Srl 31, quelli di Intempo SpA 35. Nonostante le difficoltà operative e gestionali, l’applicazione del contratto di solidarietà in media ha determinato una riduzione del 20% dell’orario. La direzione ha sottolineato come forte sia stato l’intervento formativo verso i dipendenti, con l’obbiettivo di salvaguardarne la professionalità.
    Per il 2011 gli obiettivi appaiono estremamente sfidanti. Il gruppo OL intende recuperare il gap di mercato esistente rispetto ai maggiori competitors, prevedendo un progressivo ridimensionamento della propria presenza nelle PAL a favore del “privato” e di nuove linee di business, tra cui spicca quella rivolta alle famiglie. Questo progetto ( OL Family) avrà filiali ad hoc nelle grandi città e si propone di esplorare un mercato potenzialmente interessante come quello dell’incontro domanda offerta di lavoro nel settore dell’assistenza domiciliare e della collaborazione domestica. A questo si aggiunge l’implementazione di un servizio verso i candidati e verso i clienti sempre più informatizzato ( OL Web) che si andrà ad affiancare ed integrare alle tradizionali attività commerciale e di front office. Proseguirà infine la politica di offerta di servizi integrati alle imprese, dalla formazione alla compilazione delle buste paga, per la quale, lo ricordiamo, sono state portate a termine operazioni societarie ( acquisizioni e cessioni) che potrebbero proseguire in una logica di creare un unico soggetto deputato a questa peculiare attività.
    Per raggiungere questi traguardi così ambiziosi , OL SpA, Intempo Spa, OLF srl, anticiperanno il ripristino dell’orario normale di lavoro al 1 gennaio 2011, chiudendo in anticipo di circa 4 mesi l’esperienza della solidarietà.
    Sempre nei primi mesi del 2011 sono previste 34 nuove assunzioni per potenziare la rete commerciale, e l’apertura entro la fine del prossimo anno di 15 nuove filiali prevalentemente al nord ( Lombardia, Piemonte, Veneto e Emilia Romagna), ossia nelle aree più allettanti da un punto di vista delle opportunità di crescita.

    Abbiamo accolto positivamente la notizia della chiusura anticipata della solidarietà, rimarcando come, dopo una stagione non semplice, in cui l’impegno delle parti è stato finalizzato al mantenimento dell’occupazione, se ne debba inaugurare un’altra caratterizzata dalla sua valorizzazione.
    Temi quali la classificazione e il corretto inquadramento del personale e l’individuazione di un sistema premiante rivolto a tutte le lavoratrici e i lavoratori, dovranno essere in cima alla lista delle priorità per l’anno 2011 e fatte oggetto di confronto costruttivo fra le parti.
    In coerenza con questi presupposti, abbiamo annunciato la presentazione della piattaforma per il rinnovo del contratto integrativo aziendale entro i primi mesi del 2011.

    La Società si è resa disponibile ad aprire il confronto in tempi celeri, condividendo la opportunità di concordare un sistema premiante che ridistribuisca parte dell’utile prodotto dall’apporto costante del personale. Pertanto a breve inizieremo l’iter per la definizione della piattaforma sindacale.

    FILCAMS-CGIL FISASCAT-CISL UILTuCS-UIL