NUOVO CONTRATTO NAZIONALE AGENTI IMMOBILIARI

21/09/2001

FILCAMS-Cgil
Federazione lavoratori commercio turismo servizi

Ufficio Stampa
www.filcams.cgil.it

21 settembre 2001

NUOVO CONTRATTO NAZIONALE AGENTI IMMOBILIARI

I dipendenti delle agenzie immobiliari professionali e mandatari, associate a Fiaip, hanno un nuovo contratto nazionale di lavoro. E’ stato firmato da Filcams Fisascat Uiltucs con la Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali, la rappresentanza più consistente nel settore delle agenzie immobiliari con circa 14mila dipendenti in carico agli associati.

Il nuovo contratto, che per quanto riguarda i trattamenti economici si allinea al contratto terziario e commercio, spunta sensibili condizioni migliorative rispetto allo stesso contratto del commercio. Il testo contrattuale che è ; dato alle stampe rivoluziona totalmente il vecchio contratto.

Quello firmato con Fiaip è l’unico contratto specifico per il settore degli agenti immobiliari. Tuttavia gli agenti immobiliari aderenti a Confcommercio e quelli aderenti a Confesercenti applicano ai loro dipendenti i contratti terziario e commercio delle rispettive confederazioni. Con la stipula del nuovo contratto, che entra in vigore il prossimo 1° ottobre, sono state rese compatibili le condizioni salariali e normative dell’intero settore.

Di particolare rilievo, notano i sindacalisti reduci da una lunga trattativa, i punti che riguardano la previdenza integrativa (da discutere a quale fondo aderire) e l’assistenza integrativa con versamento a carico del datore di lavoro di una quota pari all’1,6 per cento del salario globale, con obbligo di versare comunque al lavoratore la somma mensile qualora non vi fosse adesione al sistema assistenziale integrativo.

Prevista la costituzione di un ente bilaterale e norme per la conciliazione delle controversie, mentre per quanto riguarda le modalità di impiego sono stati regolati secondo le disposizioni di legge i contratti per l’apprendistato, il part-time, i contratti di formazione lavoro. Un apposito capitolo è stato dedicato al telelavoro.