Non per tutti oggi è la festa del lavoro

02/05/2005
    domenica 1 maggio 2005

    Non per tutti oggi è la festa del lavoro

      LUCCA. A lavorare, anche se è il 1° Maggio. L’ha deciso lla direzione del Mercatone Uno di Lucca e Altopascio, che ha comunicato ai suoi dipendenti l’apertura dei due punti vendita per la festa dei lavoratori. «È la prima volta che succede e si tratta evidentemente di una provocazione – spiega Massimiliano Bindocci della Filcams Cgil di Lucca – l’azienda ha motivato la scelta sostenendo che con la crisi c’è bisogno di stare aperti il più possibile, come se una giornata potesse risolvere tutti i problemi».

      Per di più il grande magazzino, che vende arredamenti, è già aperto ogni domenica: «Il 1° Maggio era una delle poche feste di cui i lavoratori fossero certi, un giorno da condividere con le famiglie e per riposarsi: ora anche questa è messa in discussione». Esiste inoltre un’ordinanza emessa dal Comune di Lucca per regolare le aperture festive, che dispone che gli esercizi di quel tipo rimangano chiusi in occasione della festa dei lavoratori. «Ho parlato con l’assessore al commercio Olga Pierotti – dice il segretario della Filcams – che mi ha assicurato che attuerà l’ordinanza e diramerà un controllo in merito. Anche noi avviseremo i vigili urbani.

      Questo però non sembra interessare il Mercatone, che ha deciso di non attenersi alla regola e di pagare la multa di circa 1000 euro». I dipendenti sono un centinaio, metà a Lucca e metà ad Altopascio. Alcuni di loro andranno al lavoro, teoricamente dovrebbe trattarsi solo di volontari, ma la Filcams li ha invitati a rimanere a casa. Alla clientela è invece rivolto un appello: sarebbe meglio recarsi al Mercatone in altre date.
      v.gig.