NH Italia – esito incontro 19/11/2012

Roma, 21 novembre 2012

si è tenuto in data odierna, presso l Unione Industriali di Roma, lincontro di verifica con NH Hotel, previsto dal verbale ministeriale siglato in data 04 ottobre ed ad una prima ricognizione rispetto alla nuova procedura di licenziamento collettivo aperto dall impresa il 31 ottobre 2012.
Gli esuberi dichiarati nella nuova procedura sono 246. Dei 382 della precedente procedura, secondo le dichiarazioni aziendali 107 sono passati ad aziende che sono subentrate a fronte di appalto di servizio, 24 sono stati riallocati in azienda a seguito di sostituzione di dimissioni o tempi determinati scaduti, 118 hanno aderito al piano sociale di incentivazione su base volontaria. Rimangono quindi 128 eccedenze effettive, di cui 58 esuberi strutturali e 90 lavoratori non occupati nelle aziende subentrate nei servizi terziarizzati.
Abbiamo precisato in apertura di incontro come non si potesse iniziare lesame congiunto per lultima dichiarazione di esubero, senza aver affrontato tutti i temi ancora aperti, tra cui, prioritari, la disdetta degli accordi integrativi, e la determinazione di una forma di anticipazione per il trattamento di cassa in deroga, rispetto agli adempimenti burocratici ad essa correlati, abbiamo denunciato ritardi ed errori.
Non abbiamo trascurato poi altri aspetti che in questo mese hanno reso problematico il confronto a livello territoriale a partire dal continuo utilizzo di lavoratori extra, interinali e a tempo determinato, in costanza di sospensioni di lavoratori, fino alle modalità di esperimento delle verifiche decentrate ex art 60 CCNL.
Lazienda ha rigidamente respinto la nostra richiesta di ritiro della disdetta e si è resa indisponibile a fornire qualsivoglia anticipo economico alle lavoratrici e ai lavoratori interessati dal ricorso allammortizzatore sociale, per ragioni economiche.
Pur riconfermando la nostra intenzione di entrare nel merito dellesubero dichiarato, abbiamo fortemente criticato latteggiamento aziendale che pare deliberatamente ignorare i più basilari principi che devono regolare le relazioni industriali a tutti i livelli.
Di fronte alla indisponibilità aziendale a sospendere gli effetti economici della denunzia unilaterale degli accordi aziendali, che sta provocando concreti danni economici al personale, abbiamo annunciato immediati ricorsi vertenziali.
A tal fine, per esercitare un adeguato livello di pressione, alleghiamo una lettera standard di diffida e messa in mora, che dovrà essere sottoscritta individualmente dal numero più ampio possibile di lavoratrice e lavoratori e inviata allazienda.
Questa iniziativa unitaria, che deve essere concretamente attivata dalle strutture sindacali territoriali, oltre che garantire un primo livello di tutela individuale, costituisce una azione collettiva che, se supportata da numeri importanti, potrebbe aiutarci a ricondurre NH ad una interlocuzione seria e per quanto possibile costruttiva al tavolo. In ogni caso costituisce la prima necessaria azione di tutela per eventuali azioni vertenziali per il ripristino del salario e normative derivanti dal CIA sottratti unilateralmente da Nh dalle buste paga dei dipendenti.
Il prossimo incontro nazionale si terrà lunedì 10 dicembre 2012 a Milano a partire dalle ore 10.30.
Inoltre, è opportuno che nel frattempo a livello territoriale vengano richiesti incontri di verifica sugli esuberi ancora in essere, sulle terziarizzazioni, sulla cassa integrazione, e sulle adesioni al piano di incentivazione.
Il nostro obiettivo, anche di fronte a queste costanti difficoltà della trattativa e di relazione con la controparte , rimane il mantenimento nel ciclo produttivo del più alto numero di addetti possibile.
Si conferma lo stato di agitazione in tutta NH Italia e il blocco di qualsiasi prestazione aggiuntiva.

p. la Segreteria Filcams Nazionale
Cristian Sesena

- fac-simile diffida messa in mora individuale

                            Spettabile Direzione
                            NH HOTEL ITALIA SPA
                            Via G.B. Pergolesi 2/A
                            20124 Milano

                            E p. c.
                            Raccomandata a mano
                            Filcams-fisascat-Uiltucs territorio……………………………….

      Oggetto: diffida disapplicazione CIA ex Jolly Hotel e NH Italia e accordi sindacali e prassi esistenti

      La sottoscritta/o………………………………………………..dipendente presso …………………………………………………..
      ritiene illegittima la disdetta dei contratti integrativi aziendali ex Jolly e NH Italia e accordi sindacali e prassi esistenti da parte dell’azienda e considera la Contrattazione Integrativa Aziendale stessa in vigore fino a quando non sarà sostituita da un nuovo accordo tra le parti firmatarie.

      Per quanto sopra, diffida l’Azienda a disapplicare , nei propri confronti, a partire dal 1 ottobre 2012, data indicata dalla Azienda , quanto è previsto dalla Contrattazione Integrativa ex Jolly Hotel e NH ITALIA e accordi sindacali e prassi esistenti.
      Chiede con la presente il pagamento delle competenze maturate e non godute ed in particolare, senza che l’indicazione sia esaustiva, il pagamento delle differenze sulla retribuzione mensile e sulle mensilità supplementari, sulle incidenze di tutti gli istituti contrattuali, compreso il trattamento di fine rapporto, nonché quant’altro dovuto in forza alla legge, e/o al Contratto Nazionale e alla contrattazione integrativa aziendale e alle prassi esistenti.
      La presente vale anche quale atto di costituzione ai fini interruttivi della prescrizione nonché ex art. 2943 e 2113 c.c. e quale impugnativa e/o transazione eventualmente sottoscritta.

      La sottoscritta/o…………………………………………………………… si riserva tutte le azioni necessarie a tutela dei propri diritti lesi in merito a tutti gli istituti economici e normativi previsti dalla contrattazione integrativa aziendale ex Jolly e NH Italia e accordi sindacali e prassi esistenti.

      Distinti saluti.