Nella delega pronte le correzioni al Tfr

02/12/2002




            sabato 30 novembre 2002

            ITALIA-POLITICA
            Nella delega pronte le correzioni al Tfr


            ROMA – Il meccanismo per consentire il decollo della previdenza complementare inserito nella delega pensioni subirà alcuni ritocchi. A cominciare da quello relativo all’eliminazione degli ostacoli, anche di natura fiscale, che impediscono una "facile" destinazione del Tfr ai fondi pensione aperti. È questo l’orientamento della commissione Lavoro della Camera dove sta proseguendo l’esame della delega pensioni. Ieri è stato anche confermato il via libera agli emendamenti sulla piena cumulabilità tra pensione e altro reddito da lavoro. Tra i correttivi che hanno ottenuto il parere favorevole del sottosegretario al Welfare, Alberto Brambilla, e del relatore, Luigi Maninetti (Udc), c’è l’eliminazione delle "barriere" legislative e fiscali che impediscono la libera circolazione dei lavoratori all’interno del sistema di previdenza complementare rendendo praticamente impossibile l’afflusso del Tfr a forme integrative diverse da quelle previste da contratti e accordi collettivi. Per quel che riguarda lo smobilizzo del Tfr "futuro", resta confermata l’intenzione di rendere obbligatoria la destinazione ai fondi pensione. Altri emendamenti di cui il Governo e il relatore hanno raccomandato l’approvazione sono finalizzati a salvaguardare le forme di previdenza integrativa preesistenti «evitando sovrapposizioni e dispersioni contributive verso forme previdenziali diverse». È stato poi accolto un correttivo che prevede che, se il lavoratore ha diritto a un contributo del datore di lavoro da destinare alla previdenza complementare, ci sarà la possibilità che il contributo vada alla forma pensionistica scelta dal lavoratore stesso. È stato invece congelato il capitolo della "totalizzazione" dei periodi pensionistici perché, come ha spiegato Brambilla, «sembra essere prossima una soluzione condivisibile» fra associazioni professionali e casse di previdenza. Giudizio sospeso anche sul pacchetto di emendamenti sulla decontribuzione per i neoassunti. M.ROG.