Nel 2010 fallite 11.000 imprese in Italia

09/03/2011

La crisi continua a picchiare duro anche sulle imprese: il 2010 è stato un anno nero per i fallimenti in Italia, con 11mila aziende che hanno dichiarato bancarotta, il valore più alto da quando è stata riformata la disciplina sulla crisi di impresa. Ma forse si vede la fine del tunnel: i dati destagionalizzati del quarto trimestre indicano un calo dei
fallimenti dell’8,8% rispetto al picco toccato durante l’ultima estate. C’e tutto in uno studio di Cerved group, secondo il quale le procedure di bancarotta l’anno scorso sono aumentate di circa il 20% rispetto al 2009, anno che già aveva accusato una crescita del 25%. E l’industria rimane le più colpite dalla crisi: nel 2010 hanno dovuto dichiarare default più di 5mila imprese manifatturiere, con un «insolvency ratio» che ha toccato quota 45,2, oltre il doppio di quello complessivo dell’economia, che ha un tasso medio di 20. Hanno sofferto soprattutto il comparto dei mezzi di trasporto, della gomma e della plastica