Montezemolo: ora priorità alla ripresa

06/04/2005
    mercoledì 6 marzo 2005

      sezione: IN PRIMO PIANO – pagina 3

        Montezemolo: ora priorità alla ripresa

          Cesare Peruzzi
          dal nostro inviato

          LIVORNO • Archiviata la parentesi elettorale, occorre tornare subito a governare il Paese. Per il presidente della Confindustria, Luca Cordero di Montezemolo, ieri a Livorno ospite degli industriali della città toscana, non c’è tempo da perdere: « Bisogna affrontare con urgenza e determinazione i problemi reali, cominciando dall’economia, che è la vera priorità, e mettendo le imprese al centro dell’agenda » , ha sottolineato Montezemolo riprendendo il filo delle priorità che unisce tutto il mondo produttivo.

          « Lo avevo detto all’inizio di una campagna elettorale troppo lunga, lo ripeto a maggior ragione oggi ha continuato non possiamo perdere altro tempo rispetto alle priorità delle imprese e delle famiglie. Dobbiamo concentrare tutte le energie sulle scelte che servono per la crescita e lo sviluppo è stata la conclusione del leader di Confindustria . È questa la vera sfida che tutti, nessuno escluso, abbiamo davanti » . Il messaggio che arriva da Livorno, da qualche anno una delle aree più dinamiche della Toscana, alle prese però con un difficile rilancio del porto e con i problemi dell’indotto meccanico del settore automobilistico, è dunque un richiamo al bisogno di competitività del sistema italiano.

          La posizione di Confindustria era stata puntualizzata dallo stesso Montezemolo in occasione del convegno sulla piccola industria organizzato a Bari, il 19 marzo scorso. « Occorre prestare una forte attenzione alle esigenze delle imprese che sono chiamate a competere, anche solo in Europa, con Paesi dove la produzione di ricchezza è tassata infinitamente meno che in Italia » , aveva detto rivolgendosi al capo del Governo Silvio Berlusconi.

          « Se tutti siamo d’accordo che l’Irap è un’imposta perversa e iniqua, non basta fermarsi alle analisi. E nemmeno possiamo aspettare che sia la Corte di giustizia europea a dichiararla incompatibile con il diritto comunitario aggiunse cominciamo da subito a lavorare per una modifica radicale » .

            Spesa pubblica, riduzione delle tasse e competitività delle imprese sono tre elementi strettamente connessi, e per Confindustria la vera questione è che « una parte significativa della riduzione della pressione fiscale deve servire a rendere le imprese più competitive » . Quello che chiedono gli industriali è di passare subito dalle parole ai fatti, « magari liberando risorse attraverso la riduzione della spesa pubblica e degli sprech » . A Bari fu Montezemolo a indicare la direzione: « Questo deve essere un impegno per il Governo di oggi e per il Governo della prossima legislatura. Questa deve essere la vera promessa da mantenere disse . Solo con una minore e più qualificata spesa pubblica sarà possibile garantire nel tempo minori tasse per i cittadini e per le imprese » . Adesso che la campagna elettorale per le regionali è terminata, c’è il rischio che il clima politico resti teso in vista della consultazione politica del 2006. E da Livorno, Montezemolo ricorda le priorità dell’economia e del Paese.