Montecatini. Sindacati in Regione, il nodo delle assunzioni

11/07/2002



11 luglio 2002







Sindacati in Regione
Il nodo delle assunzioni
 
MONTECATINI — Si tiene questa sera alle 18 un nuovo confronto tra le rappresentanze sindacali e «Vitawell». L’argomento della riunione è la situazione della lavanderia delle Terme. Anche qui si prospetta un confronto sul personale.
«Ieri mattina in Regione — spiega Alberto Cavalloni della Fisascat-Cisl — abbiamo ricordato all’assessore Susanna Cenni la difficile situazione in cui versano i dipendenti stagionali delle Terme. La loro mancata assunzione, per noi, rimane fonte di grande preoccupazione. C’è un mancato rispetto degli accordi sul livello occupazionale.
Intanto l’azienda ha circa 20 dipendenti in meno di quelli che dovrebbero esserci in questo momento. Riguardo all’esternalizzazione dei servizi delle Terme, saremo disponibili a prenderla in considerazione solo se sarà fonte di occupazione fissa e non stagionale. In questo momento è in gioco l’identità termale di Montecatini. Anche Cenni ha dovuto ammettere che, in questo momento, la città è un vero e proprio dormitorio. Vogliamo il coinvolgimento di tutte le categorie economiche della zona in questa delicata fase di rilancio. Da questa transizione parte il futuro».
«La Regione — aggiunge Jessica Beneforti, della Filcams-Cgil — si è presa l’impegno di convocare al più presto un incontro con l’amministratore delegato delle Terme Mauro Scaramucci, per affrontare la situazione dei lavoratori stagionali non confermati. E’ stata anche affrontato il tema della formazione dei dipendenti, attraverso i protocolli d’intesa con la Provincia di Pistoia».
Dopo l’incontro di ieri in Regione, al quale ha partecipato il vicesindaco Patrizio Tronci, l’assessore Susanna Cenni annuncia «la massima attenzione sul mantenimento degli impegni assunti dalla nuova società di gestione e sull’attuazione del piano industriale. Ci impegniamo a fare tutte le opportune verifiche, anche in vista di un ulteriore sviluppo di iniziative di aggiornamento e formazione professionale dei lavoratori».